Ti trovi in:

Home » Progetti » MOBILITA' » Piano della Mobilità Sostenibile - Piano Generale del Traffico Urbano » Sintesi delle problematiche e quadro degli obiettivi

Sintesi delle problematiche e quadro degli obiettivi

Tra le criticità riscontrate l’elemento principale è la forte pressione di traffico a cui ancora oggi sono sottoposte le aree centrali, con particolare considerazione per il sistema viabilistico centrale (viale delle Fosse, discesa Brocchi), con volumi di traffico significativi (oltre 1.700 ve/h su discesa Brocchi, quasi 2400 veicoli in viale delle Fosse) e sovrapposizione di funzioni differenti con forte commistione tra tipologie di traffico assai diverse (traffico veloce e lento, trasporto pubblico, pedoni e biciclette, traffico specifico e di attraversamento).

Tale situazione determina a cascata un aggravio anche sulla viabilità locale del centro storico che diventa luogo di percorsi di by-pass funzionali, per alcune tipologie di utenti, a limitare i perditempo sulla rete principale. Questo fenomeno si ritrova anche in alcuni ambiti residenziali. Esso porta ad una dichiarata percezione dei cittadini di non avere strade vivibili per la presenza di parecchio traffico transitante in vie che non consentono la compresenza in sicurezza di pedoni, bici e auto.

Per il centro storico, oltre a un improprio traffico di attraversamento, esiste anche il tema dello spazio pubblico, troppo spesso occupato e governato dai veicoli: vi è la necessità di intervenire per migliorare la fruizione del centro storico anche da parte delle utenze pedonali e ciclabili, liberando lo spazio pubblico della pressione delle auto, spesso in sosta illegale lungo strade aperte al transito. Tale intervento deve comunque reggersi su un delicato equilibrio: dare nuovo slancio e sviluppo alle aree del centro storico, ai servizi e al commercio in esso presente, agli spazi di aggregazione e agli ambiti storico-culturali, con un modello sostenibile e vivibile, con costi indiretti (inquinamento, difficoltà di muoversi per le utenze deboli, sicurezza) limitati, tenendo conto della concorrenza che viene dai centri commerciali e dalle “fabbriche” del divertimento.

Sicuramente il tema di una serie di interventi per una nuova accessibilità e fruibilità del Centro Storico deve svilupparsi a partire anche dalla riqualificazione del sistema della sosta: è necessario portare a compimento un percorso già in atto di riorganizzazione che aumenti e favorisca l’utilizzo di offerta di sosta in parcheggi strategici esterni al centro storico, attraverso l’introduzione di una tariffazione differenziata, messaggistica di indirizzamento, riduzione degli stalli a rotazione sulle strade.

Un altro tema critico è quello della rete destinata alla mobilità lenta, pedonale e soprattutto ciclabile: dalla fotografia dello stato attuale emerge in primo luogo che la rete ciclabile non ha in realtà una struttura reticolare completa, vale a dire che i percorsi che la costituiscono sono tra loro slegati per la poca attenzione dedicata ai nodi e non dispongono di caratteristiche coerenti.

Il PMS in merito contriene un primo studio e alcune proposte sulla rete ciclabile e le isole ambientali a Bassano del Grappa.

Inoltre si sta procedendo con la redazione di Piani Particolareggiati in tema di Mobilità Ciclabile, Pedonale, Sicurezza Stradale e Abaco ciclabilità e moderazione traffico, come prevedono le Direttive Ministeriale del 12.04.1995 per la progettazione di 2° livello, relativa ad ambiti territoriali più ristretti e settori della mobilità da migliorare o potenziare in attuazione del Piano della Mobilità Sostenibile.

 La sintesi delle strategie che si propongono nel presente PMS può essere così riassunta:

 Completare lo spostamento dei flussi di attraversamento sul perimetro sud

  • Ridurre il peso del traffico veicolare su  assi primari centrali
  • Ridurre, sfavorendoli, gli attraversamenti veicolari negli ambiti residenziali (Centro Storico,Iisole Ambientali, Centro Studi, …)
  • Sviluppare l’accessibilità al centro con potenziamento della sosta perimetrale e nuovi percorsi (anche meccanizzati) di avvicinamento
  • Aumentare, favorendoli, gli spostamenti con mezzi sostenibili (piedi, bici, TP, …)
Pubblicato e aggiornato: martedì, 20 marzo 2012