Ti trovi in:

Home » Progetti » MOBILITA' » Biciplan - Piano Particolareggiato per la Mobilità Ciclabile

Biciplan - Piano Particolareggiato per la Mobilità Ciclabile

La Giunta Comunale il 19/2/2013 ha approvato il Piano Particolareggiato per la Mobilità Ciclabile denominato BICIPLAN (delibera n. 46/2013).

      L’Amministrazione Comunale nel 2011 ha avviato la pianificazione del traffico urbano, istituendo l’Assessorato alla Mobilità affidato all’ing Andrea Zonta e incaricando per le analisi gli studi un tecnico specializzato in materia di pianificazione del traffico, ing Seneci Francesco della Netmobility srl di Verona, dando di fatto avvio al  percorso di redazione del PUT nel rispetto delle norme in materia : Codice della Strada D.Lgs 285/92 e le Direttive 12.04.1995 del Ministero dei Lavori Pubblici “Redazione, adozione e attuazione dei piani urbani del traffico ai sensi dell’art. 36 del decreto legislativo 30.04.1992, n. 285. Nuovo codice della strada ”.

Il Codice della Strada (D.Lgs. 285/92) all’art. 36 istituisce l’obbligo per i Comuni con popolazione superiore ai trentamila abitanti della redazione del Piano Urbano del Traffico (PUT) attraverso i seguenti livelli di progettazione successivi e diversi, sia per la scala di approfondimento che per l’ambito di studio:

  • P.G.T.U. - Piani Generali del Traffico Urbano: pianificazione di 1° livello relativa all’intero centro abitato e alle diverse forme di mobilità urbana (pedoni, biciclette, mezzi pubblici, veicoli);
  • Piani Particolareggiati del Traffico Urbano:  pianificazione di 2° livello relativa ad ambiti territoriali più ristretti e settori della mobilità da migliorare o potenziare in attuazione del PGTU.

     Con Delibera di Consiglio Comunale n. 73 del 25/10/2012 è stato approvato il Piano Generale del Traffico Urbano (P.G.T.U.) denominato Piano della Mobilità Sostenibile della Città di Bassano del Grappa (PMS), di fatto quindi provvedendo alla pianificazione di 1° livello del PUT.

     Nel corso del 2012 e inizio 2013 sono stati effettuati le analisi e gli studi dello stato di fatto e sono state valutate le prime proposte di pianificazione del Biciplan, discusse e valutate dalla Giunta Comunale e dalle Commissioni Consiliari Permanente n. 6 - Lavori Pubblici, Viabilità, Ambiente, Trasporti e n. 3 Urbanistica ed Arredo Urbano, dagli uffici comunali competenti.

La redazione del Biciplan è stata supportata dalle proposte e studi realizzati e offerti volontariamente dalla Federazione Italiana Amici della Bicicletta – FIAB- con il gruppo locale Tuttinbici, promotori tra l’altro anche del convegno “Eppur si muove: qualità della vita e proposte per la mobilità sostenibile” del 15/9/12 e dell’evento del 16/9/2012 “Piano Per Bassano”, pedalata slow di apertura della settimana europea della mobilità sostenibile 2012, patrocinati da questa Amministrazione Comunale.

 Con Delibera di Giunta Comunale n. 46 del 19/02/2013 è stato approvato il Piano Particolareggiato per Mobilità Ciclabile denominato “Biciplan” e l’Abaco della ciclabilità urbana della Città di Bassano del Grappa in attuazione del PGTU “Piano della Mobilità Sostenibile”, di fatto quindi provvedendo alla pianificazione di 2° livello del PUT.

     L’obiettivo generale del Biciplan e dell’Abaco della ciclabilità  è la valorizzazione della mobilità ciclabile che passa attraverso lo sviluppo di tutti gli aspetti legati alla ciclabilità. Non si tratta quindi solo di realizzare nuove infrastrutture, ma anche di dare impulso alla creazione di servizi e di implementare un buon sistema di comunicazione. Questi tre pilastri rappresentano gli strumenti per raggiungere il vero obiettivo del BiciPlan, che quindi non è quello di costruire piste ciclabili ma piuttosto la crescita della quota di mobilità ciclabile nel territorio.

     L’attuazione della strategia di base del BiciPlan è legata ad un salto culturale in seno alle istituzioni che offra un’idea di ciclabilità come vero e proprio sistema di trasporto urbano con pari dignità degli altri, dove per pari dignità si intende anche dal punto di vista economico – finanziario. In questo senso la bicicletta ed il suo utilizzo offrono senza dubbio una serie di vantaggi economici, ecologici, sociali e culturali su cui vale la pena investire.

     Il Biciplan nello specifico si è occupato di:

  • analizzare la domanda di ciclabilità, la forma e le funzioni del territorio, valutare le criticità dei percorsi esistenti;
  • pianificare la rete ciclabile urbana individuando n. 13 itinerari prioritari di circa 62 km suddivisi in percorsi esistenti, da riqualificare, di progetto e strade a basso traffico; si è cercato di costruire un sistema radiale di percorsi che dai vari quartieri conduce nel centro storico, e un sistema che rimane tangenziale al centro abitato, con la creazione di due anelli, uno più tangente al centro e uno molto più esterno;
  • analizzare la ciclabilità nel Centro Storico, individuando degli itinerari possibili che permettano l’attraversamento del centro in modo facile e veloce, istituendo dove possibile il doppio senso per le bici, come da ultima direttiva del Ministero dei Trasporti;
  • analizzare la rete di percorsi dedicati al tempo libero e al cicloturismo denominati “itinerari turistici” : ciclopista del Brenta, ciclopista del Grappa (collegamento della Ciclopista del Brenta con le direttrici ciclabili lungo il fiume Piave , progetto 2010 dei Comuni di Pove del Grappa, Borso del Grappa e Romano d’Ezzelino), Percorso Marostica-Bassano-Asolo (tratto dell’Itinerario 2 del Piano Regionale della Segnaletica Turistica Cuclabile presentato a gennaio 2013 dalla Regione Veneto ai Comuni)
  • individuare e proporre gli interventi necessari, a livello di studio di prefattibilità, con la relativa stima sommaria della spesa prevista;
  • stendere le linee guida per la progettazione delle sezioni tipo e delle intersezioni con precisi riferimenti a dimensioni e soluzioni funzionali, nonché sulla segnaletica orizzontale e verticale;
  • proporre nuove idee di segnaletica ad hoc per la mobilità ciclabile a forte carattere informativo che, oltre ad impiegare la convenzionale segnaletica prevista dal Codice della Strada, utilizzi altre tipologie di cartelli e punti informativi che diano visibilità e comfort ai percorsi;
  • proporre una strategia di marketing, che prevede l’impostazione e l’avvio di una campagna di informazione e sensibilizzazione per promuovere la mobilità ciclabile, per ottenere un sistema di rete ciclabile che sia identificabile come vero sistema di trasporto, al pari degli altri mezzi;
  • proporre nuovi servizi legati alla ciclabilità: un piano per la sosta ciclabile, con il quale posizionare e dimensionare le rastrelliere su tutto il territorio in relazione alla capacità attrattiva esercitata dalle diverse strutture, un Modulo parcheggio (bicistazione - deposito per le biciclette), una modello di Bicigrill lungo gli itinerari turistici; la proposta di potenziare un altro tipo di servizio, già presente sul territorio di Bassano: il bike-sharing.

 Gli elaborati che compongono il Piano Particolareggiato per la Mobilità Ciclabile denominato Biciplan sono:

–      Relazione generale

–      Allegato A “Pianificazione della rete ciclabile” Planimetria generale degli Itinerari Urbani e schede di prefattibilità degli interventi 

–      Tavola A1 Planimetria generale di progetto della rete ciclabile

–      Tavola A2 Planimetria della Sosta 

–      Tavola A3 Planimetria Interventi a Breve Termine

Il Biciplan e l’Abaco sono visionabili presso l’Area 5 Ufficio Pianificazione Mobilità, in Piazzale Castello degli Ezzelini, negli orari di apertura al pubblico (da lun a ven dalle 10.00 alle 12.00) preferibilmente previo appuntamento con i tecnici (dott. Adriano Ferraro e arch. Paola Maggiolo tel. 0424/51914).

Allegati

Delibera di Consiglio Comunale di approvazione Piano della Mobilità Sostenibile

Delibera di Giunta Comunale - approvazione Biciplan

Relazione generale

Relazione generale

La relazione Generale (allegata) costituisce il Piano Particolareggiato per la Mobilità Ciclabile del Comune di Bassano del Grappa (denominato BiciPlan). Il suo obiettivo generale è la valorizzazione della mobilità ciclabile che passa attraverso lo sviluppo di tutti gli aspetti legati alla ciclabilità. Non si tratta quindi solo di realizzare nuove infrastrutture, ma anche di dare...

“Pianificazione della rete ciclabile”  - Planimetria generale degli Itinerari Urbani e schede di prefattibilità degli interventi

“Pianificazione della rete ciclabile” - Planimetria generale degli Itinerari Urbani e schede di prefattibilità degli interventi

Allegato A “Pianificazione della rete ciclabile” Planimetria generale degli Itinerari Urbani e schede di prefattibilità degli interventi

Pubblicato: martedì, 12 marzo 2013 - Ultimo aggiornamento: mercoledì, 16 luglio 2014