Ti trovi in:

Home » Impresa / SUAP » Urbanistica » Piani Urbanistici Attuativi

Piani Urbanistici Attuativi

Normativa di riferimento ed elaborati

Ai sensi dell’art.2 delle Nto del PI vigente il PUA può essere d'iniziativa pubblica o privata o, congiuntamente, di iniziativa privata e fatto proprio dall’Amministrazione Comunale attraverso apposito P.P.E.. Esso definisce l'organizzazione urbanistica, infrastrutturale ed architettonica di un insediamento ed assume,in considerazione degli interventi previsti, i contenuti e l’efficacia di quanto normato dall'art. 19 della L.R. 11/2004 e s.m.i.

NORMATIVA DI RIFERIMENTO PER L’ELABORAZIONE DEI PUA 

-  artt. 19, 20 della L.R. 11/2004 e smi;

-  DGR 2948/2009 Valutazione di compatibilità idraulica;

-  DM 14.01.2008 compatibilità geologica, geomorfologica e idrogeologica;

-  DGR  3173/2006 Valutazione di incidenza ambientale;

-  artt.2, 22, 23, 28, 29, 31, 32, 34 delle Nto del PI approvato con DCC n.9/2012;

-  Abaco dei parametri stereometrici allegato al PI;

Per  l’esecuzione delle opere di urbanizzazione:

-   artt. da 13 a 29, Titolo II del Prontuario di Mitigazione Ambientale allegato al PI;

-   Regolamento viario allegato C1 al Piano della Mobilità Sostenibile adottato con DGC n.66 del 13.03.2012;

DOCUMENTAZIONE ED ELABORATI NECESSARI ALLA REDAZIONE DEI PUA

-   istanza completa di marca da bollo di 16,00€;

-   pagamento dei diritti di segreteria per l’istanza di pua di 516,00 €;

-   documento d’identità del richiedente;

-   atti di proprietà degli immobili;

-   estratto catastale ed elenco delle proprietà;

-   estratto di PAT – PI – verifica degli eventuali vincoli gravanti sull’area;

-   cartografia dello stato di fatto riportante il perimetro dell’intervento, la toponomastica, il piano quotato;

-    planimetria delle infrastrutture a rete esistenti;

-    verifica di compatibilità geologica, geomorfologica e idrogeologica dell’intervento;

-    verifica di compatibilità idraulica per il rilascio parere del Genio Civile;

-    progetto planivolumetrico, parametri edificatori (altezze, distanze, allineamenti, ambiti edificatori) e individuazione dei comparti; sezioni;

-     progetto urbanistico e destinazione d’uso delle aree, individuazione delle aree a standard da cedere o vincolare ad uso pubblico; verifica degli standard urbanistici;

-    schema delle opere di urbanizzazione e trattamento delle superfici;

-    schema delle infrastrutture a reti di progetto;

-     relazione illustrativa a supporto delle scelte di piano;

-     norme di attuazione;

-     valutazione di incidenza ambientale (se dovuta);

-     schema di convenzione per l’esecuzione delle opere di urbanizzazione (fornito dagli uffici);

-     capitolato e preventivo sommario di spesa;

-     documentazione fotografica.

 

Progetto esecutivo  delle  opere di urbanizzazione dei PUA

La richiesta del rilascio del permesso di  costruire relativo alle opere di urbanizzazione dovrà essere corredata dal progetto in scala esecutiva riguardante: strade, marciapiedi, parcheggi auto e stalli per cicli e motocicli, piste ciclopedonali, segnaletica stradale verticale ed orizzontale, aree verdi con relative piantumazioni,  rete di illuminazione pubblica comprensiva di calcolo illuminotecnico, sottoservizi, computo metrico estimativo.  Gli enti gestori delle reti dovranno attestare la regolarità del progetto.

Il rilascio del permesso di costruire è comunque subordinato all’approvazione del PUA,  alla stipula della convenzione di lottizzazione e alla presentazione di adeguata polizza fidejussoria a garanzia dell’esecuzione delle opere. 
 
Per le modalità di esecuzione delle opere nonché per la scelta dei materiali da utilizzare si veda il Prontuario di Mitigazione Ambientale (PMA) allegato al PI vigente, con particolare riferimento al Titolo II, articoli da 13 a 29.
 
La Ditta lottizzante si impegna a cedere e a trasferire (o a costituire servitù di uso pubblico), a favore del Comune, le opere di urbanizzazione primaria nonché le aree destinate a spazi pubblici del PUA. A tale scopo, a cura e spese della Ditta, dovrà essere predisposto un idoneo frazionamento catastale.
La cessione (o la costituzione di servitù perpetua di uso pubblico) sarà effettuata a collaudo finale eseguito ed approvato e le relative spese saranno a carico alla Ditta.
 
La polizza fidejussoria  fornita dalla Ditta sarà svincolata a collaudo approvato e dopo la cessione delle aree al Comune (o alla costituzione di servitù di uso pubblico).
 

Collaudo delle opere di urbanizzazione 

Le modalità, i tempi e le operazioni di collaudo sono puntualmente definite nella convenzione di lottizzazione. Il collaudatore è nominato dalla Ditta lottizzante e scelto fra i professionisti iscritti all’elenco dei collaudatori del Comune.

PIANI URBANISTICI ATTUATIVI

Elenco Piani Urbanistici Attuativi approvati dal 01/10/2018

Pubblicato: venerdì, 18 novembre 2011 - Ultimo aggiornamento: venerdì, 30 novembre 2018