Ti trovi in:

Home » Comunicazione » Notizie » Un amore di serata

Immagine decorativa

Un amore di serata

“Ecco un Museo vivo!” è stato uno dei commenti colti al volo in pinacoteca venerdì scorso (14 febbraio) durante la serata «Amore & Psiche Sweet!» organizzata nel Museo Civico di Bassano del Grappa.

La formula di aprire sale e saloni del Museo civico a nuove forme di visita e di partecipazione si è rivelata pienamente indovinata: le creazioni artistiche del passato si sono intersecate con le improvvisazioni creative di Marco Chiurato e così pure gli episodi coreografici della rete di insegnanti di danza contemporanea No Limita-c-tion sostenuto dal CSC Casa della Danza di Bassano del Grappa si sono ispirati a statue e dipinti confrontandosi con gli atteggiamenti e le posture immobilizzate nelle opere esposte delle collezioni museali. Il tappeto sonoro su cui danzatori e visitatori si muovevano ha poi creato un’atmosfera particolare che ha coinvolto tutte le sale. In pinacoteca, in particolare, un originale e importante candelabro creato per l’occasione da Chiurato ha lumeggiato con le sue candele il grande tavolo allestito con le immagini della favola di Amore e Psiche, frammenti tratti dalla scultura del Canova reinterpretata dall’obbiettivo fotografico di Mimmo Jodice nella mostra Jodice Canova allestita nell’ala nuova del Museo Civico fino al 23 marzo prossimo. Tutto di zucchero: da questo umile materiale sapientemente lavorato hanno preso forma candelabro e immagini con cui l’artista ha imbandito un convito dove nutrirsi d’arte. L’azione di Chiurato non si è poi fermata al luogo del banchetto ma, in un continuo flusso creativo, si è trasferita fino a coinvolgere i danzatori prima,
Il pubblico si è trovato così direttamente coinvolto in un vero e proprio convivio, in una dimensione speciale, aperta a tutti, coppie di innamorati o innamorati dell’arte che fossero, purché disponibili al colloquio ed all’incontro, con momenti di viva emozione, grande fascinazione.
Amore & Psiche Sweet!, un invito per vivere la festa di San Valentino in modo originale, ma soprattutto una proposta insolita per vivere il Museo civico di Bassano del Grappa, che ideando questa iniziativa, e proponendola con la collaborazione dell’Istituto di ricerca per gli studi su Canova ed il Neoclassicismo, ha voluto dimostrare di essere qualcosa di ben diverso, smentendo il solito pregiudizio di sale avvolte in un rigido silenzio, piene di noiose raccolte di polverosi cimeli.
Della serata rimane ora un emozionante video ( clicca qui ), capace di figurare quell’alchimia unica di presenze, di voci, di gesti, di suggestioni, che già ha fatto dire a più di qualcuno: “Io c’ero!”.

Pubblicato e aggiornato: giovedì, 20 febbraio 2014