Ti trovi in:

Home » Comunicazione » Notizie » (R)Estate a Bassano tra Centro storico e dintorni

Immagine decorativa

(R)Estate a Bassano tra Centro storico e dintorni

Nel cuore della città, o a pochi passi  dal centro storico, ecco dove rinfrescarsi e rilassarsi davvero.

Giardino Parolini - Il luogo ideale per gli appassionati di giardinaggio ma anche per chi voglia semplicemente godersi una pausa rilassante leggendo il quotidiano o facendo una chiacchierata con gli amici immerso nel verde. L’ingresso è libero e il giardino è aperto da maggio a settembre tutti i giorni dalle 9.00 alle 19.30, mentre nel periodo da ottobre ad aprile è aperto tutti i giorni dalle 9.00 alle 17.00.
Il giardino Parolini, nel 1800, era una delle realtà più importanti d’Italia e venne dichiarato Monumento Nazionale all'inizio del Novecento. L'unicità di questo luogo deriva dalla capacità di coniugare in poco spazio e con maestria un giardino con prati e aiuole fiorite contenenti specie autoctone e tropicali d'ogni tipo. 

Per ulteriori approfondimenti clicca qui .

Parco Ragazzi ‘99 - A nord della città, nella piana della Conca d’Oro – Prato Santa Caterina, l’Amministrazione ha realizzato un ampio parco dedicandolo ai Ragazzi del ’99. L’accesso al parco è libero e al suo interno, gestito dalla SiS SpA, il chiosco “world caffe”, aperto tutti i giorni dalle 10.00 alle 22,30, dove si possono consumare anche prodotti bio o a chilometro 0. In più, tutte le domeniche mattina dalle ore 10,30 fino alle 12,30, ci sono laboratori gratuiti per i bambini a partire dai due anni.

Per ulteriori approfondimenti clicca qui .

Monte Crocetta  - Il “Parco Monte Crocetta” è un'oasi naturale ricchissima di piante e fiori autoctoni che offrono in tutte le stagioni caratteristiche diverse. Tutta la collina è tracciata da vari sentieri che partono sia dal lato nord attraverso il boschetto, che dal lato sud, con un uliveto terrazzato con una moltitudine di viottoli ed un sentiero a gradoni che porta fino in cima.
C’è un piccolo boschetto di castagni, ampi prati dove si possono trovare erbe aromatiche, fiori particolari come le orchidee selvatiche, e tanti alberi da frutta.
Nel centro del Parco, inoltre, sorge un'antica costruzione che fungeva da torretta di controllo sulla Città, attualmente è stata ristrutturata ed ospita un bar/bruschetteria.

Per ulteriori approfondimenti clicca qui .

Cava Gemma, In località san Giorgio, un angolo di paradiso incontaminato, un’area protetta comunale ad accesso libero, ricca di stagni e specchi d’acqua, dove la concomitanza di particolari condizioni climatiche, geomorfologiche, di flora e di fauna hanno dato vita ad una straordinaria oasi naturalistica. Chi va in visita alla Gemma non può non rimanere incantato, perché si trova di fronte ad un inconsueto spettacolo naturale: una rara varietà di piante, fiori, animali, colori, tipici di un ambiente umido come oramai ne esistono pochissimi in Italia. 

Percorso valle del Silan, da San Michele a Valrovina - Dalla pizzeria di San Michele ci si inoltra lungo la valle: al termine della contrada si costeggia il torrente, dove, poco dopo, ha inizio una bella mulattiera lastricata. Al primo tornante una breve deviazione porta al cospetto delle cascate del Silàn, che scendono spumeggianti all'interno di un'ombrosa forra. La mulattiera sbocca infine su un sentiero: percorrendolo verso sinistra si giunge in breve a Valrovina. Andando, invece, verso destra, dopo aver attraversato la strada che porta da Bassano a Valrovina, si può prendere la via che giunge al borgo di Privà, un bel punto panoramico sulla pianura. 

Romitorio di San Bovo - Dall'antica pieve di S. Eusebio, seguendo le indicazioni per il ristorante Castellaro, una stradina e poi un sentiero contornano la collina di Privà. Giunti sulla strada asfaltata, attraversandola e proseguendo si arriva al romitorio di San Bovo, affacciato sulla Valbrenta. Ritornati alla strada, per questa si prosegue fino al borgo di Privà, da cui un sentiero selciato riporta al punto di partenza. 

Nelle ore più calde della giornata si possono seguire i percorsi sulla sinistra o sulla destra del Brenta, dove si può mangiare un panino accanto all'acqua del fiume, dove ci si può rilassare, vedere le canoe scendere il fiume, i pescatori … 

E poi ci sono i parchi dei quartieri cittadini, con aree attrezzate per i bimbi e per lo sport. 

Infine, si consiglia di trascorrere una giornata a Rubbio in Malga Busa delle Saline e di visitare la cava dipinta (per ulteriori informazioni  clicca qui )

Pubblicato e aggiornato: mercoledì, 02 luglio 2014