Ti trovi in:

Home » Comunicazione » Notizie » Migrant Bodies, 2 giorni per approfondire il tema delle migrazioni - 3-4 luglio convegni, meeting e performances

Immagine decorativa

Migrant Bodies, 2 giorni per approfondire il tema delle migrazioni - 3-4 luglio convegni, meeting e performances

Cosa accade quando coreografi, artisti visivi e scrittori di paesi diversi, indagano insieme il tema delle migrazioni?
E’ il tema del giorno, ma intorno ad esso cinque centri culturali tra l’Europa e il Canada ne hanno fatto da due anni il loro centro di indagine: artistico, sociale e scientifico, grazie al progetto europeo MIGRANT BODIES, Corpi Migranti. 

Vinto sull’ultimo bando del programma europeo Cultura 2007-2013, dedicato alla cooperazione con i paesi terzi, dal Comune di Bassano, come capofila attraverso il CSC Casa della Danza, in partnership con La Briqueterie du Val de Marne (Francia), Circuit-Est di Montreal, The Dance Centre di Vancouver e HIPP di Zagabria, il progetto si è articolato lungo 200 giorni e 5 paesi.
Nel suo sviluppo ha coinvolto coreografi/danzatori, scrittori, artisti visivi, provenienti dai 5 paesi coinvolti, in una ricerca sulle migrazioni e sui relativi impatti, sul loro contributo alla diversità culturale e come fonte di valore e di ricchezza. Il tutto attraverso l’uso di strumenti artistici e culturali e al fine di ritrarre le nuove forme di identità dei corpi migranti.
Ora venerdì 3 e sabato 4 luglio, a Bassano del Grappa verranno presentati gli esiti del progetto con convegni, redazione di protocolli, presentazione delle opere create: perfomances, installazioni, scritture e video.
Migrant Bodies si ferma quindi a Bassano dopo una migrazione di oltre un anno tra Europa e Canada dei 15 artisti. Hanno osservato le migrazioni di uomini e animali, hanno incontrato ricercatori, giuristi, biologi, rappresentanti della vita civile, dei migranti, delle associazioni e ora restituiscono il loro percorso attraverso performance, testimonianze, ritratti, riflessioni. Un progetto che ci fa ascoltare la voce degli artisti lontano dai clichés e dai pregiudizi, per capire se l’arte può difendere la nostra umanità.
meeting e  spettacoli  sono ad ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria allo 0424-524214

Allegati

Pubblicato e aggiornato: giovedì, 25 giugno 2015