Ti trovi in:

Home » Comunicazione » Notizie » L'impatto della danza contemporanea sulla salute - dal 20 al 25 maggio 2013

Danza e Salute

L'impatto della danza contemporanea sulla salute - dal 20 al 25 maggio 2013

Un innovativo progetto a Bassano con incontri e workshop per approfondire il rapporto tra danza e salute.

Il CSC/Casa della Danza di Bassano accoglie nel mese di maggio un innovativo progetto di ricerca sulle relazioni e l’impatto che la pratica della danza contemporanea può avere sul sistema neurologico e in particolare sulle persone con il morbo di Parkinson.

Nell’ambito del progetto ACT YOUR AGE, il CSC si è confrontato con l’esperienza maturata da alcuni partner olandesi che negli ultimi anni hanno sviluppato incoraggianti studi in materia e introdotto esperienze innovative che hanno identificato benefici e miglioramenti collegati alla pratica artistica della danza.Gli esperti Mark Vlemix (NL) e Andrew Greenwood (UK) condurranno un laboratorio al CSC Garage Nardini di Bassano dal 20 al 25 Maggio 2013, tutti i giorni dalle ore 14.30 alle 16.30, aperto sia a pazienti che a danzatori o persone che abbiamo già una pratica fisica consolidata (yoga, tai chi etc.).

L’iniziativa è realizzata in collaborazione con la Struttura Complessa di Neurologia dell’Azienda sanitaria bassanese, diretta dal dottor Alessandro Burlina, e prevede la partecipazione laboratorio di medici, danzatori e coreografi professionisti e pazienti con il morbo Parkinson. Vlemix e Greenwood si avvalgono dell’esperienza sviluppata in Olanda e negli USA dal Mark Morris Dance Group impegnato da anni nella ricerca con il Brooklin Parkinson Group.

Il workshop esplora la pratica artistica della danza contemporanea e l’impatto che può avere nello sviluppo della elasticità muscolare, del senso di ritmo e equilibrio, e nel positivo impatto neurologico che l’attività artistica e creativa può stimolare. Ad arricchire la settimana dedicata alla ricerca delle relazioni tra danza e salute si aggiunge un Think tank, parte di un altro progetto europeo che sta conducendo il CSC: Modul dancevinto dalla rete europea delle Case della Danza a cui anche Bassano partecipa come unico soggetto italiano riconosciuto.Nel corso delle due giornate di incontri un gruppo di coreografi esplorerà con il Rolfer Andrea Meynardi, l’impatto che il Rolfing può avere sulla pratica professionale della danza (il 21 maggio dalle 17 alle 19 e il 22 maggio dalle 10 alle 13, quest’ultimo solo per danzatori professionisti).

Il Rolfing è un metodo di lavoro corporeo che mira a stabilire armonia ed equilibrio nella struttura corporea, attraverso il tocco e l'educazione al movimento. Questo metodo parte dal presupposto che esiste correlazione tra forza di gravità e funzionamento armonico del corpo umano. Tutto ciò è possibile grazie alla plasticità del tessuto connettivo che permette al corpo di cambiare forma. Attraverso un tocco sensibile e deciso, il Rolfer agisce per liberare il corpo dalle sue restrizioni e riallineare la postura correttamente rispetto al campo di gravità, rendendola al contempo più armonica ed equilibrata.

Insieme a Meynardi, sarà presente anche il nutrizionista Antonio Dorigo, che attraverso le competenze della Chimica e della Fisica, della Farmaceutica e della Medicina, propone unmodello di conoscenza che unisca il dato creativo, la creazione, alla scienza. Questo modello è una chiave di lettura della realtà per rendere l’uomo libero di scegliere la vera salute, allontanandolo dallo squilibrio della malattia.La partecipazione gratuita sarà offerta solo a chi potrà garantire la partecipazione a tutti gli incontri, i posti sono limitati è necessaria pertanto la prenotazione.

Informazioni: Ufficio spettacolo tel. 0424 519804

Pubblicato e aggiornato: lunedì, 20 maggio 2013