Ti trovi in:

Home » Comunicazione » Notizie » Debutta il Don Giovanni di Mozart con un nuovo allestimento - 27 e 30 dicembre 2012

Mozart

Debutta il Don Giovanni di Mozart con un nuovo allestimento - 27 e 30 dicembre 2012

Si conclude la stagione lirica di Bassano Operafestival con un nuovo allestimento del Don Giovanni di Mozart al PalaBassano: giovedì 27 dicembre alle ore 20.30, in replica domenica 30 dicembre alle ore 15.30.

Una produzione nuova e giovane, che vede all’ideazione di regia, scene e costumi, un trio di giovani uomini di teatro reduci dal recentissimo successo di Maria Stuarda al Donizetti di Bergamo. Il regista Federico Bertolani, lo scenografo Giulio Magnetto, il costumista Manuel Pedretti, sono di nuovo insieme per questo Don Giovanni bassanese ambientato in un settecento nitido e universale senza orpelli ma anche senza stravolgimenti.

Dalle note di regia dello stesso Bertolani si legge: “Questo è il fin di chi fa mal. E de' perfidi la morte. Alla vita è sempre ugual . - Con questa morale si conclude Il Don Giovanni di Mozart e Da Ponte, il dissoluto è stato punito, l’inconscio è tornato nel suo luogo deputato! Ma Don Giovanni Tenorio riemerge sempre dalle tenebre a mettere in discussione la morale europea. Da circa 700 anni sui palcoscenici, sulla carta stampata e addirittura sullo schermo cinematografico ricompare con tutta la sua forza la figura del libertino, un “mito” al pari del dottor Faust o del tormentato Amleto. Non possiamo accostarci alla musica di Mozart e al libretto di Da Ponte senza accostarci di conseguenza all’evoluzione del personaggio nell’immaginario collettivo occidentale…”.

In scena dunque a Bassano un’opera di indiscussa perfezione, l’espressione massima del genio mozartiano, in cui il senso di appagamento, di raggiunto equilibrio, di totale sfruttamento delle forme creano un continuum di grandi arie, di momenti d’assieme e di recitativi, tutti dello stesso altissimo livello.

Nella produzione bassanese, il ruolo del seduttore per antonomasia è affidato a Simone Alberghini, affascinante basso baritono che ha debuttato nel 1993 al Teatro Regio di Torino e da allora si esibisce nei più importanti teatri internazionali, collaborando con celebri direttori quali Chailly, Jurowsky, Mehta, Muti, Ozawa, Thomas. Il suo repertorio comprende soprattutto ruoli mozartiani, rossiniani e del repertorio  francese.

Nel ruolo di Leporello, servo di Don Giovanni, il basso marchigiano Andrea Concetti, anch’esso presente nei più grandi teatri del mondo dal Festival di Salisburgo a quello di Edimburgo, dalla StaatsOper di Vienna ai maggiori enti lirici italiani.

Donna Elvira sarà la giapponese naturalizzata in Italia, Mina Tasca Yamazaki, anch’essa impostasi all’attenzione della scena operistica internazionale calcando i palcoscenici di importanti teatri. La giovane soprano pugliese Angela Nisi sarà invece Donna Anna, mentre Don Ottavio sarà impersonato dal tenore coreano Sang Jun Lee, Zerlina da Paola Cigna, Masetto da Andrea Zaupa e il Commendatore da Enrico Rinaldo.

Impegnati nella produzione saranno l’Orchestra di Padova e del Veneto, con  il Coro LI.VE. diretti dal maestro Giampaolo Bisanti.

Informazioni e prenotazioni: Biglietteria OperaFestival tel. 0424 524214, www.operaestate.it  

Pubblicato e aggiornato: venerdì, 21 dicembre 2012