Ti trovi in:

Home » Comunicazione » Notizie » Bassano Jazz Festival per Operaestate, dal 10 al 14 luglio

Paolo Fresu

Bassano Jazz Festival per Operaestate, dal 10 al 14 luglio

Inizia una nuova collaborazione tra Operaestate Festival Veneto il Panic Jazz Club di Marostica per una  programmazione di cinque serate con i migliori musicisti jazz al mondo.

Sono i grandi nomi della musica i veri protagonisti del Bassano jazz Festival, la sezione di Operaestate Festival Veneto curata dal Panic jazz di Marostica, uno dei punti di riferimento per la programmazione jazzistica in Veneto.
Il Castello degli Ezzelini sarà la perfetta cornice per  questo cartellone che si vuole proporre come un fiore all’occhiello di Operaestate Festival, alla pari dei grandi Festival specializzati nella musica jazz. Cinque concerti con nomi di grande richiamo e dall’altissima qualità, con esecuzioni assolutamente non scontate e prevedibili partendo da uno dei più grandi chitarristi viventi, John Scofield che inaugura martedì 10 luglio con la Hollowbody Band composta da Kurt Rosenwinkel, Ben Street e Bill Stewart. John Scofield è considerato dalla critica uno dei “big three” della chitarra jazz contemporanea, assieme a Pat Metheny e a Bill Frisell. Arrivato a piena maturazione instradandosi verso il jazz elettrico, torna periodicamente ad atmosfere più acustiche con una precisa identità solistica dalle pronunciate inflessioni blues. Un mix di sonorità complesso e inimitabile, che avvolge e cattura ad ogni esibizione.

A seguire mercoledì 11 luglio Brad Melhdau Trio, la formazione classica del pianista statunitense, con Larry Grenadier e Jeff Ballare. Negli ultimi anni nessuno ha rivoluzionato il mondo del pianismo jazz come Brad Mehldau. Nessuno come lui riesce a condensare in un unico, inimitabile stile, la raffinatezza armonica, la ricerca introspettiva e la coralità della polifonia. La sua tecnica formidabile offre un vero e proprio dialogo con la linea melodica principale, creando spunti sempre nuovi che danno un senso polifonico alla composizione.

Giovedì 12 luglio sarà la volta di Uri Caine Trio. Uri Caine, leader del trio, è uno dei più importanti interpreti di jazz contemporaneo da circa vent’anni. Compositore e pianista jazz statunitense Uri Caine è noto al grande pubblico per l’unicità del suo stile. La combinazione di importanti frequentazioni jazzistiche e gli studi di musicologia ne hanno fatto un artista sempre pronto a valicare e contaminare i generi più diversi. Una miscela di musica ebraica, classica ed elettronica supportate da un’inventiva che rende questo ibrido musicale stimolante e innovativo. Uri Caine sarà accompagnato dal bassista John Hébert e dal batterista Ben Perowsky con i quali ha realizzato il suo ultimo album Siren.

Venerdì 13 luglio: PAF - Paolo Fresu/ Furio Di Castri/ Antonello Salis. Paolo Fresu è uno dei jazzisti europei più apprezzati e il suono della sua tromba è stato più volte paragonato a quello di due leggende come Miles Davis e Chet Baker. Un musicista raffinato ed elegante che incorpora in un irripetibile tutt’uno, la saggezza del suono e il calore dell’esecuzione. In formazione trio attraversa suoni, atmosfere e poliritmie interpretandole con una spiccata sensibilità musicale. Qui insieme ad altri 2 musicisti a formare un vero e proprio supergruppo a tre teste coronate, capace di far volare alto il significato di energia e creatività. Insieme sono una delle formazioni più interessanti del panorama della musica intelligente contemporanea, capace di stupire e di affascinare a Palermo come ad Oslo.

Si conclude sabato 14 luglio con Joshua Redman & Bad The Plus. Joshua Redman è considerato il migliore sassofonista e per certo il più famoso musicista jazz venuto alla ribalta negli anni Novanta. Figlio del famoso sassofonista Dewey Redman, Joshua imbraccia il sax tenore a soli 10 anni. Nel 1991 partecipa al Thelonius Monk International Jazz Saxophone Competition, vince il primo premio e da allora comincia a registrare con i massimi esponenti della scena jazz internazionale. Oggi è considerato uno dei più importanti tenorsassofonisti del mondo, con uno stile e linee melodiche inconfondibili.
Ethan Iverson, Reed Anderson and Dave King formano i The Bad Plus nel 2000. La musica del trio combina elementi di jazz d'avanguardia con influenze Pop e Rock. Tuttavia, la loro musica sfugge ad ogni classificazione di genere. 

Informazioni e prenotazioni tel. 0424 524214 - www.operaestate.it 

Pubblicato e aggiornato: mercoledì, 11 luglio 2012