Ti trovi in:

Home » Comune » Ufficio Stampa » Comunicati stampa » Polo Museale Culturale Santa Chiara - La Giunta comunale identifica nel MUSE, il Museo delle Scienze di Trento il partner principale per un rapporto...

Polo Museale Culturale Santa Chiara - La Giunta comunale identifica nel MUSE, il Museo delle Scienze di Trento il partner principale per un rapporto...

Il Polo Museale Culturale Santa Chiara riprende il via dopo una battuta d’arresto forzata e lo fa, a pochi giorni di distanza dalla firma del contratto tra Il Comune di Bassano e il raggruppamento temporaneo costituito tra le ditte Nico Vardanega Costruzioni srl e Fabbian Impianti srl, con una delibera di Giunta che indica nel MUSE, il Museo delle Scienze di Trento, il partner principale per un rapporto di collaborazione integrato.

“Il Polo Museale Culturale di S. Chiara rappresenta un’opera strategica e complessa per la Città di Bassano del Grappa ed è opportuno attivare tutte le possibili iniziative per ottimizzare il progetto complessivo in termini di efficienza, funzionalità, valore e contenuti culturali, attrattività, partnership – evidenzia il Sindaco Riccardo Poletto - In particolare, proprio in occasione del riavvio del cantiere per i lavori relativi al primo stralcio funzionale, relativo al museo naturalistico, è indispensabile avviare l’elaborazione di un piano che, partendo dall’analisi della situazione esistente, possa approfondire alcuni aspetti specifici”.

Tra questi, l’individuazione dei temi scientifici rilevanti coerentemente con le collezioni da valorizzare, l’ipotesi di percorso espositivo per la piena valorizzazione del patrimonio presente, l’analisi degli spazi previsti e l’organizzazione degli stessi in termini di efficienza, funzionalità e fruibilità, la proposta relativa alla modalità di gestione del Museo (anche in termini di partenariato pubblico-privato) alternativa alla gestione comunale diretta, l’indagine e la previsione qualitativa e quantitativa sui potenziali flussi di visitatori che il museo naturalistico di Bassano potrà attrarre, anche in sinergia con analoghe strutture espositive presenti in Veneto e Trentino Alto Adige.

Su tutto, poi, la definizione di un piano attuativo che contempli anche le dotazioni operative perseguendo elevati livelli di efficienza in linea con standard internazionali e descriva i costi/ricavi di gestione sostenibile su base annua.

“Negli ultimi mesi è maturato un proficuo confronto informale con il MUSE - sottolinea il Sindaco Riccardo Poletto - che ha evidenziato straordinarie e positive prospettive sia per quanto riguarda le attività che per la definizione di una solida partnership che, partendo dai rispettivi bacini culturali in gestione, possa definire dei piani strategici condivisi di valorizzazione del proprio patrimonio culturale naturalistico per generare anche dei flussi turistici culturali tra le due realtà”.

La partnership potrebbe comprendere: l’ideazione e la calendarizzazione di attività espositive, didattiche e divulgative per la valorizzazione dei rispettivi patrimoni; attività di prestito reciproco relativamente ai beni delle rispettive collezioni museali in relazione alla realizzazione di specifici eventi; l’ideazione e la concretizzazione di attività di comunicazione e promozionali, sinergiche tra i due musei, per elevare l’attrattività dei rispettivi siti; la condivisione e l’implementazione di azioni di marketing territoriale per elevare l’attrattività delle rispettive aree di riferimento;

Il MUSE rappresenta uno dei più importanti musei scientifici a livello nazionale e, con una media di circa 500.000 presenze annue, anche nel 2015 si è confermato uno dei principali poli attrattivi del turismo culturale italiano piazzandosi all’undicesimo posto nel censimento dei primi cento musei in Italia stilata dal Giornale dell’Arte.

E’ dunque una convenzione tra le due realtà la strada identificata dalla Giunta comunale per stringere un’alleanza attraverso lo scambio integrato e l’interazione di competenze in campo culturale, didattico, promozionale, turistico, amministrativo.

Nelle prossime settimane la struttura organizzativa del Comune lavorerà per raggiungere questo importante obiettivo.

Pubblicato e aggiornato: mercoledì, 19 ottobre 2016