Ti trovi in:

Home » Comune » Ufficio Stampa » Comunicati stampa » "Paesaggi intromessi. Altopiano inciso": una nuova esposizione in chiesetta dell'Angelo

"Paesaggi intromessi. Altopiano inciso": una nuova esposizione in chiesetta dell'Angelo

A corollario della 4a Biennale dell’Incisione Contemporanea – in corso in Museo civico ed a Palazzo Sturm fino a domenica 24 maggio - apre in Chiesetta dell’Angelo una mostra dedicata alle suggestioni visive dell'Altopiano dei Sette Comuni interpretate con la tecnica dell’acquatinta.

Con la personale «Paesaggi intromessi. Altopiano inciso» che si inaugurerà venerdì 17 aprile 2015 alle ore 18:00 Gino Di Pieri, pittore e incisore, dedica una serie di preziose incisioni alla sua originale interpretazione del territorio dell’Altopiano dei Sette Comuni.

L’artista, veneziano di nascita e trevigiano d’adozione, si è formato all’Accademia di Belle Arti di Venezia con Bruno Saetti e Carmelo Zotti per la pittura, con Mario Guadagnino e Arnaldo Battistoni nell’incisione. Dai primi anni sessanta si dedica in particolare alle tecniche incisorie nelle quali ha raggiunto originali risultati riuscendo a filtrare perizia tecnica e visione poetica, sensibilità pittorica e rigore esecutivo, precisione rappresentativa e delicatezza emotiva.

In mostra una serie di paesaggi dell’Altopiano, osservati con intensa commozione e perciò “intromessi”, fatti propri nell’intensità dei realistici primi piani fino alle trasparenze dell’orizzonte: è un territorio che Di Pieri percorre alla ricerca delle tracce, oramai svanite, di vicende lontane nel tempo eppure ancora ben incise, radicate nella memoria, di tanti tragici episodi della Grande Guerra e della Resistenza.

Gino Di Pieri, per molti anni docente al Liceo Artistico di Treviso, ha al suo attivo un ricchissimo curriculum espositivo che vede la sua partecipazione a tutte le più significative manifestazioni specialistiche del settore nelle più prestigiose sedi italiane e straniere.

Altrettanto alto il numero dei critici ed estimatori che si sono occupati della sua arte: particolarmente apprezzato da Giorgio Trentin, Di Pieri è stato per lunghi anni nel direttivo della storica “Associazione Incisori Veneti” conclusa nel 2012; attualmente è vicepresidente dell’associazione nazionale ”Incisori Contemporanei”. Grazie a questa associazione è stato possibile organizzare un calendario di appuntamenti speciali per presentare tecniche e modi dell’arte incisoria. In chiesetta alcuni artisti aderenti all’associazione proporranno dimostrazioni di stampa con prove pratiche di incisione. Il primo appuntamento è fissato per il giorno successivo all’apertura sabato 18 aprile alle ore 16:00 proprio con Gino Di Pieri e la tecnica dell’acquatinta. I successivi incontri sono previsti al sabato pomeriggio alla stessa ora: sabato 9 maggio con Graziella Da Gioz e la tecnica della punta secca e sabato 16 maggio con Ivo Mosele con la maniera nera.

La mostra, curata da Flavia Casagranda ed organizzata dall’Assessorato alla Cultura di Bassano del Grappa, è corredata da catalogo con note critiche della curatrice e di Pier Franco Uliana. Rimarrà aperta fino a domenica 24 maggio di sabato e domenica con orario 16:00 – 20:00 ad ingresso libero.

Pubblicato e aggiornato: giovedì, 16 aprile 2015