Ti trovi in:

Home » Comune » Ufficio Stampa » Comunicati stampa » Meeting per cori giovanili e per cori di voci bianche - Dal 20 al 22 febbraio 250 coristi riuniti a Bassano per un fitto programma di laboratori ed...

Meeting per cori giovanili e per cori di voci bianche - Dal 20 al 22 febbraio 250 coristi riuniti a Bassano per un fitto programma di laboratori ed...

La città di Bassano accoglie il VI° Meeting per Cori giovanili e per Cori di voci bianche, manifestazione organizzata dall’ASAC, l’associazione che coordina l’attività di 340 cori di tutto il Veneto, con il patrocinio del Comune di Bassano del Grappa. Il meeting prenderà il via venerdì 20 fino a domenica 22 febbraio con sede presso l’istituto Scalabrini, dove sono in programma anche due esibizioni gratuite aperte al pubblico sabato alle 18.30 e domenica alle 17.30. Il meeting è coordinato dalla professoressa Cinzia Zanon, membro della Commissione Artistica dell’ASAC e coordinatrice della Commissione ASAC per la Coralità giovanile e infantile con la preziosa collaborazione dell’Associazione Giovani Voci Bassano.

Il progetto prevede tre diversi corsi riservati, due ai cori di voci bianche e uno ai cori giovanili. All’interno dei tre corsi sono previste diverse ore di laboratorio corale con i docenti e due momenti concertistici che offrono l’opportunità ai gruppi presenti di esibirsi con il proprio repertorio e con quanto realizzato durante il corso.

Il laboratorio per il coro giovanile(potranno aderire i nati prima del 1998) sarà condotto dal M° Lorenzo Fattambrinimentre quello per il coro di voci bianchesarà tenuto dal M° Carlo Pavese(potranno parteciparvi cantori dai 11 agli 15 anni circa)e dalla Ma Stefania Piccardi(potranno parteciparvi cantori dai 6 agli 10 anni). L’esperienza è aperta a tutti, gruppi corali, ma anche singoli coristi, insegnanti oltre a curiosi ad appassionati. Sono già oltre 250 gli iscritti previsti quest’anno.

In questi ultimi anni si è verificata una eccezionale e spontanea proliferazione di cori giovanili e di bambini e una crescita dell’interesse verso la coralità anche in ambito scolastico. Questo fatto costituisce una grande e preziosa risorsa da valorizzare. L’esperienza dimostra inoltre, che praticare l’attività musicale e il canto corale in età infantile e giovanile consente di entrare nel mondo degli adulti arricchiti di uno straordinario bagaglio di capacità, della quale potranno beneficiare per tutto il resto della loro vita, in certi casi, anche a livello professionale. A dimostrazione di quanto esposto il fatto che in molti paesi culturalmente e socialmente avanzati l’attività corale è sostenuta e integrata sistematicamente all’interno dei programmi didattici. Anche in Italia, dal MIUR l’attività corale è indicata a più riprese per la sua validità e importanza, anche se a tutt’oggi non risultano attivate iniziative specifiche affinché quanto auspicato si concretizzi in modo organico.

DOCENTI

LORENZO FATTAMBRINI ha compiuto gli studi musicali presso il Conservatorio “F.Venezze” di Rovigo, diplomandosi in Canto (1993) e in Musica Corale e Direzione di Coro (1994). Nel 2007 ha conseguito il Diploma e l’abilitazione in Didattica della Musica presso il Conservatorio “A.Pedrollo” di Vicenza.

Personalità musicale eclettica, ha collaborato con diversi Artisti e Musicisti, confrontandosi con vari generi musicali, dalla musica antica al pop, al jazz, alla world music, con una particolare attenzione per la musica vocale. Ha realizzato diverse incisioni discografiche e partecipato ad alcune trasmissioni radiofoniche e televisive (RAI e MEDIASET). Ha ricevuto nel 1997 il "PREMIO QUARTETTO CETRA" per gli arrangiamenti e la rivisitazione in chiave moderna del repertorio dei più noti gruppi vocali, italiani e non, dagli anni '40 ad oggi. In ambito vocale e corale, dopo aver seguito diverse altre formazioni dal 2001 è Direttore Artistico del CORO “CITTÀ DI THIENE”; è inoltre vivace ideatore di progetti artistici originali, dalla propedeutica (laboratori corali per le scuole) al concertismo, con gruppi vocali classico-sperimentali (OTTAVAGIUSTA) e formazioni vocali d’assieme di tipo pop-jazz (BLUE BOP QUARTET, IMT VOCAL PROJECT, N’TEE SINGERS, 3DM TRIO, VOCAL SYNDICATE ed altri). Come preparatore vocale, ha curato l’allestimento di spettacoli e musicals, tra i quali va citata nel 2010 una pregevole realizzazione di JESUS CHRIST SUPERSTAR di Webber/Rice, nel quarantennale dalla prima edizione. Si occupa di didattica musicale per le scuole ed è insegnante di Educazione Musicale per la scuola secondaria di primo e secondo grado; è responsabile del dipartimento di Canto e Vocalità Moderna presso l’Istituto Musicale Veneto “Città di Thiene"; ha collaborato con il settore Musica Sacra dell’Ufficio Liturgico della Diocesi di Vicenza; è inoltre attivo come arrangiatore e compositore di musiche per documentari, balletti e varie sonorizzazioni.

Carlo Pavese

Dopo il diploma in Musica Corale presso il Conservatorio "G. Verdi" di Torino ha conseguito la borsa di studio dell'Associazione De Sono grazie alla quale si è recato in Svezia per studiare con il grande direttore di coro Gary Graden del quale diventerà assistente presso il St. Jacobs Kammarkör. Si è specializzato successivamente con Eric Ericson , Tõnu Kaljuste e Frieder Bernius . Ha fondato l’ensemble vocale siryn di Stoccolma e nell’anno 2000 il Torino Vocalensemble coro di cui è stato direttore artistico sino al 2012.

Nel 2001 ha conseguito il secondo premio al Concorso Internazionale di Budapest per Giovani Direttori di Coro. Dirige dalla sua fondazione, nel 2003, il Coro G di Torino, un ensemble vocale composto da giovani tra i 16 e 26 anni. Con questo coro ha partecipato a festival internazionali di livello europeo (Usedom, Eurotreff) e scambi artistici con altre importanti realtà corali, tra cui il Mitte-Riinimanda (Rapla, Estonia).

Nel 2005 è diventato direttore artistico del coro di voci bianche “Piccoli Cantori di Torino” con cui ha partecipato a festival, tenuto numerosi concerti e spettacoli in Italia e all'estero e organizzato la rassegna internazionale "Voci in movimento" a Torino. Attualmente svolge un’intensa attività di direttore e di docente di direzione, interpretazione e improvvisazione corale in Italia e in Europa. Sue composizioni, per la maggior parte rivolte alla musica vocale e corale, sono state registrate dalla Radio Bavarese e Radio slovena. Svolge inoltre attività di arrangiatore e orchestratore. È stato Artistic Manager del Festival Europa Cantat Torino 2012 e ricopre attualmente la carica di Vicepresidente della European Choral Association - Europa Cantat.

Stefania Piccardi

STEFANIA PICCARDI studia, ricerca e realizza progetti per la diffusione dell’educazione musicale, credendola indispensabile nel percorso formativo di ogni bambino. Corista fin da bambina, ha affiancato lo studio del canto a quello del pianoforte. Nel 2005 e successivamente nel 2009 ha conseguito il 1° e 2° livello in “Vocalità infantile e formazione corale”, corso patrocinato dalla SIEM e riconosciuto dal MIUR, presso il C.A.M. Aureliano di Roma. Ha partecipato a numerosi corsi, seminari e laboratori su temi di approfondimento riguardanti vocalità, coralità e direzione. Svolge la sua professione nelle classi della scuola primaria e secondaria. Collabora con enti, associazioni e musicisti che dedicano le proprie attività alla coralità infantile e giovanile. Ha partecipato come docente degli ateliers, “Musica in movimento” nel 2012 e “Benjamin Britten: Friday afternoons” nel 2013, al Festival di Primavera, manifestazione corale nazionale organizzata dalla Feniarco, riservata alle Scuole Secondarie. Ha fondato e dirige il Coro Aurora, con il quale svolge un’ intensa attività artistica. E’ membro di commissioni d’ascolto e giurie in rassegne e concorsi nazionali. Ha ricevuto il Premio come Miglior Direttore al 6^ Concorso Nazionale di Voci Bianche “Il Garda in Coro” di Malcesine. Le è stato conferito il Premio alla Cultura Insula Romana 2013 per la “brillante personalità artistico-musicale raggiunta dal coro di voci bianche e giovanili Aurora”.

Pubblicato e aggiornato: giovedì, 12 febbraio 2015