Ti trovi in:

Home » Comune » Ufficio Stampa » Comunicati stampa » Ludopatie: prosegue l’impegno dell’Amministrazione per contrastare un fenomeno divenuto ormai emergenza sociale

Ludopatie: prosegue l’impegno dell’Amministrazione per contrastare un fenomeno divenuto ormai emergenza sociale

Prosegue l’impegno dell’Amministrazione comunale in collaborazione con tutti i comuni della Conferenza dei Sindaci e in accordo con l’azienda Ulss, per il contrasto di quella che si sta configurando ormai da qualche tempo come una autentica emergenza sociale: il fenomeno delle “ludopatie”.

Fin da subito l’Amministrazione comunale ha iniziato ad operare per il contrasto di questa problematica e ad agire su due piani: la prevenzione e la cura da una parte, con incontri e momenti formativi rivolti alla cittadinanza e agli operatori maggiormente vicini alle persone a rischio o già dipendenti, e il controllo dei locali dove si gioca d’azzardo.

Come si ricorderà, lo scorso autunno, dopo avere stilato un documento programmatorio al quale hanno aderito i 20 Assessori alle Politiche giovanili del territorio, vista anche la collaborazione intercorsa con l’Azienda Ulss 3, la Caritas, le municipalità del territorio e il Coordinamento Nazionale delle Comunità di Accoglienza, sono state ideate tre iniziative specifiche in ambito educativo/formativo che hanno registrato grande partecipazione ed interesse.

Per quanto riguarda invece i controlli, i dati del primo semestre 2016 evidenziati dal Comando di Polizia locale, indicano che a fronte di un impegno di oltre 60 ore di servizio specifico sono state rilevate 14 violazioni e comminate altrettante sanzioni ai locali che trasgredivano le regole dell’ordinanza comunale relativa all’orario di apertura, fissata in un arco di tempo che va dalle 10 alle 24. Parallelamente sono stati effettuati controlli di tipo amministrativo sulla regolarità delle documentazione prevista, sulla cartellonistica e sul pagamento dei tributi. Anche per quanto riguarda queste fattispecie sono emerse irregolarità che si è provveduto a sanzionare.

“Abbiamo ereditato un’ordinanza che fino all’anno scorso non era stata applicata per un ricorso pendete al TAR – sottolinea il Sindaco Riccardo Poletto - Questa amministrazione ha ora deciso di impegnare personale e risorse per procedere con i controlli ed abbiamo avuto i primi risultati. Si provvederà quanto prima ad uniformare anche l’ordinanza con quella dei vari comuni contermini per contrastare un fenomeno che sta diventando una autentica piaga sociale e troppo spesso rimane sotto traccia, causando danni ancora più gravi proprio perché difficili da identificare”.

Pubblicato e aggiornato: giovedì, 11 agosto 2016