Ti trovi in:

Home » Comune » Ufficio Stampa » Comunicati stampa » Il MuMa di Laterza ospita gli ‘albarelli’ della collezione archeologica Chini

Il MuMa di Laterza ospita gli ‘albarelli’ della collezione archeologica Chini

I Musei Civici di Bassano del Grappa sono lieti di annunciare la collaborazione con il MuMa – Museo della Maiolica di Laterza “Riccardo Tondolo” che ospiterà dal 2 dicembre fino al 31 maggio 2018, una mostra a cura di Nicola Zilio dedicata all’illustre medico bassanese Virgilio Chini per raccontare la storia di un uomo che ha amato profondamente la Puglia.

Per l’occasione, saranno esposti al MuMa ventinove ‘albarelli’ di produzione laertina risalenti al  XVIII secolo e provenienti dalla collezione Chini di Bassano del Grappa, che custodisce per intero gli oggetti preziosi e le opere appartenute al luminare. Utilizzati per conservare preparati medicinali, prodotti erboristici e spezie, gli albarelli sono finemente decorati con i colori turchini, giallo arancio, verde ramina e bruno manganese; pezzi straordinari che offriranno scenari incantati, paesaggi turriti, animali selvatici, stemmi nobiliari, santi e intrecci vegetali che paiono quasi ricami. “Abbiamo accolto molto volentieri la richiesta da parte della città di Laterza di contribuire alla mostra dedicata al bassanese Virgilio Chini. – dichiara la direttrice dei Musei Civici Chiara Casarin – L’occasione permette da un lato di creare relazioni virtuose con altri musei italiani che condividono con noi le tematiche culturali e le produzioni artistiche, dall’altro di far conoscere ad altre realtà una parte delle collezioni permanenti che il Museo di Bassano del Grappa custodisce”. Il MuMa, nato nel 2015 per recuperare la memoria dell’arte maiolica e il prestigio della produzione di Laterza, si pone lo scopo di continuare la ricerca sui manufatti in ceramica che nel tempo hanno trovato dimora al di fuori del territorio pugliese e con questa iniziativa ritornano nel loro luogo d’origine. La ceramica è simbolo della raffinata arte degli artigiani del posto e ci consente oggi di vivere un vero e proprio rinascimento culturale, dimostrando come la maiolica laertina, con la sua eleganza, sia conosciuta e presente in ogni angolo del mondo. La mostra, nell’ambito dell’iniziativa “La Murgia abbraccia Matera” vanta il patrocinio della Regione Puglia, dell’Aicc, dell’Università degli studi di Bari, del Comune di Bassano del Grappa e della Banca di Credito Cooperativo di Marina di Ginosa.

Pubblicato e aggiornato: lunedì, 27 novembre 2017