Ti trovi in:

Home » Comune » Ufficio Stampa » Comunicati stampa » Giornata Mondiale di contrasto alla Povertà - La Notte dei senza dimora 2016 - Rete Vicentina

Giornata Mondiale di contrasto alla Povertà - La Notte dei senza dimora 2016 - Rete Vicentina

Il 17 ottobre ricorre la Giornata mondiale di lotta alla Povertà e il sabato successivo, 22 ottobre 2016, la Rete d’inclusione sociale che esiste nel territorio della Diocesi di Vicenza aderisce alla manifestazione nazionale La Notte dei senza dimora per sensibilizzare i cittadini e le istituzioni sul tema della povertà estrema e della grave emarginazione. Cuore degli eventi previsti per questa edizione sarà Bassano del Grappa, anche se iniziative sono previste anche a Lonigo e Arzignano.

A Bassano il Comune patrocina l’iniziativa e collabora direttamente alla realizzazione dell’evento supportando insieme alla Caritas Diocesana Vicentina un numeroso gruppo di giovani che si occupa di ideare  e programmare le iniziative dell’evento. Si è cominciato l’11 settembre scorso con una serata di poesie a cura del bassanese Club des Poetes con la collaborazione della redazione di Vicenza del mensile di strada Scarp de’ Tenis sui temi della vita in strada. Il prossimo lunedì 10 ottobre alle 20.30, in sala Martinovich del cinema Da Ponte verrà proiettato il film Gli Equilibristi, storia di una famiglia che di colpo si trova a scoprire quanto sia labile il confine tra benessere e povertà. Al termine sarà proposta la testimonianza di una persona senza dimora.

Il 22 ottobre in piazza Libertà a partire dalle 16, fino alla mattina dopo si alterneranno iniziative dedicate ai bambini, ai ragazzi e alle famiglie, ai giovani, e a tutti coloro che avranno voglia di informarsi su situazioni che non trovano spazio nei media, se non in occasione di ordinanze e rifiuti oppure nei momenti della cosiddetta “emergenza freddo”.

A fianco dei giovani anche i volontari di Casa San Francesco, che saranno presenti alla Notte dei senza dimora con un banchetto informativo sulla struttura di accoglienza e altre proposte. La collaborazione è partita lo scorso aprile quando alcuni ragazzi hanno chiesto di poter fare servizio a Casa San Francesco per conoscere più da vicino le persone, creare relazione, fare amicizia. Una sera a settimana si recano nella struttura affiancati dai volontari, e nel dopocena si intrattengono con gli ospiti per giocare a carte e scambiare qualche chiacchiera. E’ nata in queste serate l’idea di realizzare la mostra fotografica, “Ciò che per me è casa”, che verrà presentata insieme alle altre iniziative durante la Notte dei senza dimora. In programma anche incontri nelle scuole bassanesi per cercare la collaborazione di insegnanti e studenti. Dal Remondini un gruppo di ragazzi incontrerà gli ospiti di Casa San Francesco per raccogliere le storie-testimonianza da raccontare nella “Biblioteca vivente”.

Chi avrà voglia di lasciarsi coinvolgere potrà condividere la cena in piazza, “Aggiungi un posto a tavola”, ogni partecipante porta un piatto per sé e uno da offrire ad altri (Prenota il tuo posto a  prenotazionecena2016@gmail.com ). A fine serata con cartoni e sacchi a pelo si dormirà all’aperto per condividere concretamente con i senza dimora una notte all’addiaccio, un gesto di solidarietà per chi vive questa condizione e di comprensione per chi non la vive.

“Casa San Francesco a Bassano – sottolinea l’assessore alla persona e alle famiglie, è il punto di riferimento per la grave marginalità sociale per tutti i 28 comuni dell’Ulss 3. Nel 2015 vi sono passati 61 ospiti, 48 dei quali residenti in uno dei comuni dell’Ulss. Al 30 giugno scorso gli ospiti del 2016 erano già 32, dei quali ben 26 italiani e solo 6 stranieri. Sappiamo che l’aumento degli italiani in stato di emarginazione è un trend consolidato. Per questo strutture come Casa San Francesco ed esperienze come la Notte dei Senza Dimora sono importanti da un lato per contenere e recuperare le persone, dall’altro per sensibilizzare”.

“Fare esperienza di volontariato a Casa San Francesco – raccontano due ragazzi – è stato illuminante, abbiamo capito che sono persone come noi”.

“La settimana scorsa abbiamo presentato un report della rete Caritas sulla grave marginalità nel Nordest – spiega don Enrico Pajarin direttore della Caritas Diocesana Vicentina – è quello che constatiamo è che l’esclusione sociale ha una evoluzione che vede un alto turnover fra gli stranieri, e una cronicizzazione e un molteplicità di dimensioni del disagio fra gli italiani. Per questo è sempre più necessario differenziare le risposte da dare, ad esempio passando dai dormitori al social housing”.

Il programma – Notte dei Senza dimora

22 ottobre 2016

Ore 16.00 la Merenda dei Popoli e apertura della mostra "Ciò che per me è casa"

Ore 18.00 Biblioteca vivente

Aperitivo in piazza con musica a cura degli Zingari di via dei Randagi 23

Ore 20.00 Aggiungi un posto a tavola, ogni partecipante porta un piatto per sé e uno da offrire ad altri.

Prenota il tuo posto a  prenotazionecena2016@gmail.com

Ore 21.30 Concerto con gli Idraulici del suono

Ore 20.30 Tutti a nanna in piazza con cartoni e sacchi a pelo

Durante la manifestazione saranno presenti i Clown Vip di Cittadella, sarà possibile donare coperte in buono stato e acquistare il mensile di strada Scarp de' Tenis. Non mancheranno le sorprese che potranno spuntare sul palco o sotto la sedia, iniziative pensate per sensibilizzare e stimolare la riflessione

In caso di maltempo l'evento si svolgerà al Centro Giovanile.

Pubblicato e aggiornato: lunedì, 10 ottobre 2016