Ti trovi in:

Home » Comune » Ufficio Stampa » Comunicati stampa » Fiera franca: annullati per motivi sanitari l’esposizione del bestiame e il concorso del Bue grasso. Confermati gli stand del commercio ambulante

Fiera franca: annullati per motivi sanitari l’esposizione del bestiame e il concorso del Bue grasso. Confermati gli stand del commercio ambulante

Come annunciato la scorsa settimana, sono stati annullati l’esposizione del bestiame e il concorso del Bue Grasso in programma a Bassano il prossimo giovedì 6 ottobre nell’ambito della tradizione fiera d’autunno.

Una decisione cui si è giunti ritenendo opportuno non creare occasioni atte ad aumentare la probabilità che si propaghi il virus della blue tongue nel territorio provinciale e formalizzata in una delibera di Giunta che prende atto della nota ricevuta dall’Ulss 3 di Bassano del Grappa.

Nella comunicazione si precisa che, in seguito alla recente diffusione tra gli allevamenti di bovini e ovicaprini del virus della blue tongue , il Ministero della Salute  il 19 settembre ha disposto che i territori  delle Province di Treviso, Belluno e Vicenza siano dichiarate “Zone di restrizione” ai sensi del Reg. (CE) 1266/2007. Dato che il territorio del Bassanese, pur rientrando nella zone di restrizione, risulta indenne da focolai di malattia, al fine di non esporre ad ulteriori rischi gli allevatori locali, si ritiene, anche su parere espresso da apposita commissione formata dai rappresentanti bassanesi delle associazioni degli allevatori, dei commercianti, dell’azienda Sanitaria e del Comune di Bassano riunitisi lo scorso 22 settembre, che la tradizionale esposizione di bestiame in occasione della Fiera Franca e il Concorso del Bue Grasso, previsti per il giovedì 6 ottobre 2016,  quest’anno non vengano svolti.

Sarà ad ogni modo garantita la presenza degli operatori del commercio ambulante e gli stand per la somministrazione in viale De Gasperi dalle ore 8.00 alle 14.00 e rimane, naturalmente, confermata la fiera in centro storico nel fine settimana.

Si ricorda che il morbo che sta colpendo gli allevamenti di bovini e ovicaprini non costituisce nessun pericolo per l’uomo, ne dal punto di vista infettivo ne dal punto di vista del consumo dei prodotti di origine animale (carne, latte, formaggi).

Pubblicato e aggiornato: martedì, 27 settembre 2016