Ti trovi in:

Home » Comune » Ufficio Stampa » Comunicati stampa » Emergenza abitativa nel bassanese: lunedi’ 24 novembre incontro sugli affitti sociali sicuri in tempo di crisi

Emergenza abitativa nel bassanese: lunedi’ 24 novembre incontro sugli affitti sociali sicuri in tempo di crisi

Si tiene a Bassano lunedì 24 novembre il quarto e ultimo incontro organizzato in provincia di Vicenza da Cgil , Cisl e Uil , Caritas Vicentina e Associazione Piccoli Proprietari Case e da alcune Amministrazioni Comunali al fine di informare sul progetto degli Affitti Sociali Sicuri .

Dopo le presentazioni avvenute a Schio, Montecchio Maggiore e Vicenza, l’appuntamento è alle ore 20,30 presso l’Aula Magna dell’Istituto Comprensivo 3, sede Giusto Bellavitis (Bassano, via Colombare 4): sono stati invitati tutti gli amministratori dei Comuni dell’Ulss 3, gli operatori dei servizi di emanazione sindacale, i volontari Caritas e i  cittadini interessati a capirne di più.  Interverranno il direttore della Caritas diocesana don Giovanni Sandonà, i rappresentanti di Cgil, Cisl e Uil, l’Assessore al Sociale del Comune di Bassano, Erica Bertoncello. Verranno presentati anche i dati sull’emergenza abitativa e sulla  crisi occupazionale nel territorio dell’Ulss 3.

 

Siglato nell’aprile scorso dalla Caritas Vicentina, dalla Prefettura e dalle prime sette Amministrazioni Comunali, il progetto, che vuol essere uno strumento per prevenire l’incapacità incolpevole di pagare il canone di affitto dell’abitazione, è oggi sottoscritto da 17 Comuni (Vicenza, Arcugnano, Bassano del Grappa, Lonigo, Montecchio Maggiore, Schio, Valdagno, Quinto Vicentino, Bolzano Vicentino, Marostica, Nove, Pianezze, Creazzo, Pojana Maggiore, Sossano, Orgiano e Asigliano Veneto): sono ancora tante quindi le amministrazioni comunali da coinvolgere.

Con l’incontro inizierà nel territorio dell’Alto Vicentino anche la distribuzione, tramite i sindacati, di un volantino informativo.

L’importanza degli affitti sociali emerge chiara considerando che, nel solo mese di settembre 2014, sono stati 6 i progetti avviati in provincia di Vicenza.  

 

Il progetto Affitti Sociali Sicuri consiste in un accordo fra Prefettura di Vicenza, Comuni  e Caritas Vicentina, in collaborazione con Cgil Cisl Uil di Vicenza per la diffusione e l’informazione. Ha lo scopo di prevenire e, se possibile, sanare situazioni di difficoltà nel sostenere i costi dell’affitto a causa di riduzione del reddito da lavoro che potrebbero aggravarsi e sfociare in procedure di sfratto. L’intervento a sostegno di inquilini e proprietari prevede anzitutto il dimezzamento o almeno una riduzione significativa del canone di locazione pattuito in sede contrattuale, e l’erogazione di un contributo di 6 mesi rinnovabili per ulteriori per 6 mesi fino ad un massimo di 250,00 € mensili, 60% a carico del Comune competente e 40% a carico della Caritas Vicentina.

L’intervento si attiva con la comunicazione alla Caritas Vicentina della delibera comunale di adesione all’iniziativa. L’iniziativa è aperta anche ai Comuni della Diocesi Vicentina nel padovano e nel veronese con un accordo diretto Comune-Caritas.

I destinatari sono cittadini italiani o stranieri regolarmente residenti nei Comuni che hanno aderito all’iniziativa, in possesso di un contratto di locazione regolare che alla data della domanda non abbiano ancora subito l’avvio del procedimento di sfratto e che possano documentare la disponibilità della sospensione dello stesso da parte del proprietario.

Al proprietario di un’abitazione l’affitto sociale conviene perché gli consente di non pagare tasse o imposte per un’entrata che non ha più. Inoltre riducendo il canone paga all’erario solo in base a quanto effettivamente percepito e non deve sostenere i costi legali delle procedure di sfratto, lunghe e di esito incerto. Infine, evitando di avvelenare il rapporto con gli inquilini, egli diventa parte attiva della rete che dà una mano alle famiglie che incolpevolmente non ce la fanno più.

Pubblicato e aggiornato: venerdì, 21 novembre 2014