Ti trovi in:

Home » Comune » Ufficio Stampa » Comunicati stampa » DIGITALmeet 2016 - Domenica 23 ottobre a Bassano uno degli appuntamenti del festival della cultura digitale

DIGITALmeet 2016 - Domenica 23 ottobre a Bassano uno degli appuntamenti del festival della cultura digitale

Bassano del Grappa ospita, domenica 23 ottobre, uno degli appuntamenti della rassegna DIGITALmeet, cartellone di incontri disseminati tra Veneto, Trentino, Friuli Venezia Giulia ed Emilia Romagna per diffondere la cultura del digitale e confrontare nuove idee, nuove filosofie, nuove persone per arricchire il bagaglio di cultura, conoscenze e relazioni di ognuno.

L’appuntamento è fissato per le ore 16, nella sala Chilesotti del Museo civico, ed è aperto a tutti gli interessati; a coordinare la tavola rotonda, alla quale parteciperanno Gianluca Verin, Gianni Gaggiani e Carlo Vischi, sarà Assessore all’Innovazione del Comune di Bassano del Grappa Giovanni Cunico.

“L’obiettivo di BASSANO DIGITALmeet – spiega Cunico - è la diffusione della cultura digitale. I relatori racconteranno la loro esperienza imprenditoriale in un momento di confronto aperto sulle opportunità dell’innovazione digitale, per una riflessione ed uno scambio di idee tra cittadini, imprenditori e studenti. Oltre ai protagonisti della startup Grow The Planet , che ha saputo sfruttare il digitale per promuovere la coltivazione degli orti domestici, fa particolarmente piacere poter avere come ospite Gianluca Verin, bassanese che ha dimostrato come si può combinare il fare impresa con la ricerca di soluzioni innovative per aiutare i soccorsi delle popolazioni colpite da catastrofi naturali”.

Le parole chiave di DIGITALmeet 2016 sono quattro: scopri, usa, crea e sogna.
I temi trattati a Bassano saranno due: "Tutto quello che avreste voluto sapere sull’agricoltura (e non avete mai osato chiedere", a cura di Gianni Gaggiani (CEO & Founder Grow the Planet) e Carlo Vischi (advisor Grow The Planet) e "Mettiamo in rete il mondo" di Gianluca Verin (Athonet).
L’ingresso al Museo civico è libero.

 
Nota sui relatori

 

Gianluca Verin
Bassanese, si è laureato in Ingegneria Elettronica presso l’università di Padova. É co- fondatore e CTO di Athonet, azienda di telecomunicazioni. Con Athonet ha ricevuto una medaglia del presidente della Repubblica per aver installato il primo network LTE per le emergenze durante il terremoto dell’Emilia (2012) e il prestigioso Global Mobile Awards (2016) a Barcellona. In precedenza ha lavorato in Regno Unito e Svezia per Ericsson. Lo scorso agosto è stato invitato da Mark Zuckerberg, fondatore di Facebook, ad un incontro a Roma assieme ad altre 14 startup italiane innovative. 

Gianni Gaggiani
Toscano, classe 1969, studia arte e inizia a lavorare come graphic designer freelance. Il lavoro gli piace molto, ma da sempre le sue passioni più grandi sono le piante e l’orto, infatti il tempo libero lo dedica esclusivamente alla cura dell’orto di casa. Un primo approccio al “Greenweb” ha inizio con la fondazione di florablog.it , uno spazio che si occupa di piante a 360°, durante il quale Gianni si fa “le ossa” studiando a fondo il regno vegetale e collezionando un’ottima esperienza sull’argomento. Da quell’esperienza nasce un progetto più ampio, che diventerà presto Grow the Planet, il primo social network dedicato alla coltivazione dell’orto in ambiente urbano e una digital agency specializzata nel settore agrifood.

Carlo Vischi
Piemontese di Pinerolo, da oltre vent’anni è nel settore editoriale dove è considerato il maggiore contributore nella realizzazione di libri monografici sugli chef “stellati” italiani con oltre venti monografie al suo attivo. Alla guida del brand “Per Tutti i Gusti”, formato nel 2012 da Starwood Hotels, il portale Style.it e Librerie Feltrinelli, ha definitivamente sdoganato l’incontro fra chef, produttori, bloggers e chiunque fa della della condivisione sulle reti sociali la propria passione. Il mix di attività fra carta stampata e reti sociali, social networks e strumenti di condivisione, lo rende punto di riferimento tra gli ambienti delle ricchezze gastronomiche nazionali e i nuovi cultori che utilizzano le moderne tecnologie.
 

Pubblicato e aggiornato: giovedì, 20 ottobre 2016