Ti trovi in:

Home » Comune » Ufficio Stampa » Comunicati stampa » Concluso il trasloco degli uffici dei Giudici di Pace - La nuova sede già operativa in via Marinali

Concluso il trasloco degli uffici dei Giudici di Pace - La nuova sede già operativa in via Marinali

Da qualche giorno l’Ufficio dei Giudici di Pace è stato spostato dalla sede di Largo Parolini a via Marinali, un trasloco annunciato fin dalla primavera dall’Amministrazione comunale che permette un notevole risparmio in termini di spese e restituisce, pur se in piccola parte, alla via già sede del tribunale il suo ruolo di centro della giustizia cittadina.

Il trasloco, iniziato il 7 settembre, è terminato il 25 settembre ed ora uffici e archivio sono tutti dislocati e attivi nell’unica sede di palazzo Antonibon, al secondo piano.

“Mi fa molto piacere che un ufficio così rilevante torni ad operare nel centro della nostra città, rianimando una via che negli ultimi anni, per i motivi che ben conosciamo, è stata gravemente penalizzata – sottolinea il Sindaco Riccardo Poletto – Questo trasloco non risolve certo i problemi causati dalla chiusura del nostro tribunale alla giustizia del territorio, ma speriamo sia un passo in più verso una diversa posizione governativa e di apertura al progetto del futuro tribunale della Pedemontana”.

I giudici di pace sono attualmente 3 compreso il coordinatore Letterio Balsamo, e l’ufficio è aperto tutti i giorno, dal lunedì al venerdì, dalle 8.30 alle 12.30 con prolungamento fino alle 13.30 per il deposito di atti in scadenza.

I numeri di telefono e la mail rimangono invariati: 0424 523597 - 0424 523510 – 523511,   gdp.bassanodelgrappa@giustizia.it

“Gli uffici sono già operativi e la cosa mi fa molto piacere – evidenzia l’assessore al bilancio Angelo Vernillo – e desidero ringraziare la SIS e la nostra struttura per essere intervenuti per avere operato con efficienza e tempismo. Mi auguro che il presidente del Tribunale di Vicenza abbia la giusta attenzione verso questa importante realtà, che opera con numeri esigui in termini sia di personale che di giudici. Da parte nostra, questo trasferimento era un impegno che ci eravamo assunti e abbiamo portato a termine nei tempi e modi che ci eravamo prefissati, risultato di cui siamo soddisfatti”.

Pubblicato e aggiornato: martedì, 29 settembre 2015