Ti trovi in:

Home » Comune » Ufficio Stampa » Comunicati stampa » Camus. L’unione delle diversità - Alessandro Bresolin dialoga con Mattia Pontarollo

Camus. L’unione delle diversità - Alessandro Bresolin dialoga con Mattia Pontarollo

Venerdì 4 aprile ore 17.30 si tiene il secondo degli incontri della rassegna “Scrittori da vicino” promossa dalla Biblioteca civica. Titolo dell’incontro “Albert Camus. L’unione delle diversità. Il lascito umano e politico di un uomo in rivolta”. Lo scrittore e saggista Andrea Bresolin dialogherà assieme a Mattia Pontarollo sul lavoro da lui condotto sullo scrittore e filosofo Albert Camus, sfociato nella pubblicazione di un importante saggio lo scorso anno, in occasione del 100° anniversario dalla nascita del pensatore francese. 

Il libro di Bresolin, che ha ottenuto unanimi riconoscimenti di critica per l’originalità e la profondità dell’indagine, è un saggio che segue il filo del pensiero di Camus e non semplicemente la cronologia dei fatti che segnarono la sua breve ma intensa vita.

Albert Camus è stato uno degli autori più significativi e originali del Novecento. Celebre soprattutto per i romanzi (Lo straniero, La peste, La caduta ) e le pièce teatrali (Caligola, Il malinteso, I giusti ), venne a lungo dimenticato in quanto intellettuale critico e militante senza partito. Solo ora che la sua figura è pienamente uscita dal cono d’ombra nel quale era stata relegata, quella della polemica con Sartre, i saggi e gli interventi politici di Camus, letti senza le lenti delle ideologie, vengono valutati per ciò che realmente esprimono. Le sue prese di posizione di sinistra libertaria, nel contesto di una guerra fredda dominata dalla logica del «con me o contro di me», caddero nel vuoto, bollate come inattuali. Oggi sono proprio la coerenza e la sincerità di certe posizioni, sul franchismo, sulla politica sovietica e il comunismo, sulla questione algerina o sul federalismo europeo, a fornire solidi strumenti per leggere in modo inedito il nostro passato prossimo e per interpretare e affrontare il nostro presente.

“Scrittori da vicino” è il nuovo format della Biblioteca civica di Bassano del Grappa: un “luogo” nel quale dare spazio agli scrittori e alle scritture del/sul nostro territorio. Un terreno quanto mai fertile che ha visto fiorire una produzione letteraria di altissimo valore, con riconoscimenti anche a livello nazionale ed internazionale. 

Un’occasione anche per conoscere di volta in volta le espressioni dei luoghi in cui viviamo attraverso la penna, i pensieri, i percorsi di ricerca di chi, per professione o magari anche solo per passione, arriva a pubblicare il risultato del proprio lavoro. Di volta in volta “Scrittori da vicino” ospiterà le diverse voci e le diverse narrazioni degli scrittori in una sorta di vetrina capace di mettere in risalto la vivacità culturale e di ingegno del territorio.

Pubblicato e aggiornato: mercoledì, 02 aprile 2014