Ti trovi in:

Home » Comune » Ufficio Stampa » Comunicati stampa » Bassano Medievale al Castello degli Ezzelini

Bassano Medievale al Castello degli Ezzelini

Dopo qualche appuntamento, sperimentale e positivo durante l’estate, ecco “Bassano Medievale” per rispondere alla curiosità di residenti e turisti, ma offrendo anche nuove opportunità dedicate a tutti gli appassionati dell’età di mezzo.

Domenica 27 settembre 2015 dalle ore 10:00 gli spazi del Castello degli Ezzelini saranno accessibili, grazie alla disponibilità garantita in base ad una convenzione con l’associazione culturale “Masnada Baxani”, in orari e modalità concordati con la Parrocchia di S. Maria in Colle.

Ingresso gratuito per tutta la giornata con orario continuato 10:00 - 19:00.

Ad attendere il pubblico il gruppo di rievocazione storica ispirato ai masnadieri ezzeliniani che proporranno i risultati del loro meticoloso lavoro di ricostruzione di oggetti, usi e costumi del XIII secolo. In Corpo di guardia alcuni saranno spazi allestiti con arredi e suppellettili di vita quotidiana, mentre al piano superiore la “bisca ludica” attenderà gli appassionati del gioco degli scacchi. Nel cortile adiacente una rassegna di usberghi, armature e cotte, mentre lungo il camminamento sugli spalti armigeri e falconieri saranno pronti ad offrire occasione di cimentarsi con il tiro con l’arco, di roteare spadoni e di assistere a scene rievocative.

Per il pomeriggio il Museo civico ha organizzato dalle ore 15:00 una visita guidata gratuita al duomo di S. Maria in Colle, fulcro della vita bassanese già nel 10° secolo, mentre alle ore 16:00 partirà dal visita guidata alla Bassano medievale, con partenza dalla biglietteria del Museo civico in piazza Garibaldi e tappe alla Torre civica ed all'affresco di Casa Finco (biglietto: € 4,00).

Nel X secolo, all’epoca delle invasioni ungare, il castello posto sulla sommità di un rilievo soprastante il corso del Brenta rappresentò, assieme alla pieve di S. Maria, il fulcro della vita cittadina bassanese, luogo di difesa e di custodia delle derrate alimentari con le «cànipe». Esaurita la funzione di rifugio temporaneo in caso di conflitto, agli inizi del Trecento l’ormai antico l’insediamento fortificato fu noto come “castello delle Càneve” e alla fine dello stesso secolo per distinguersi dal Castello Inferiore venne anche denominato Castello del Belvedere o Castelvecchio. Seguirà un periodo di totale abbandono, fino ad arrivare al Settecento, quando tornò ad essere centro della vita religiosa; solo nell’Ottocento, in pieno clima romantico, il complesso assunse il suggestivo nome di Castello degli Ezzelini.

Contatti: 0424/519901 info@museibassano.it ● ass.masnada.baxani@gmail.com

Pubblicato e aggiornato: mercoledì, 23 settembre 2015