Ti trovi in:

Home » Comune » Ufficio Stampa » Comunicati stampa » A Di rara pianta il progetto Monte Grappa MAB Unesco

A Di rara pianta il progetto Monte Grappa MAB Unesco

Lo scorso 15 settembre la Riserva della Biosfera Monte Grappa è stata proclamata MAB (Man and Biosphere) dall’Unesco, che ha riconosciuto in questo modo l’eccellenza del sito.

Il progetto - che è un passo concreto del nostro territorio verso la salvaguardia e la valorizzazione dell’ambiente e della biodiversità, investe e valorizza nuovi modelli di azioni di sviluppo verso l’ambiente e la qualità di vita dell’uomo - avrà un posto di rilievo all’interno della manifestazione Di rara pianta, grazie ad un punto informativo che permetterà al pubblico di conoscere le attività e i programmi ideati dagli enti che hanno concorso al riconoscimento.

“L’appuntamento al Giardino Parolini ci è sembrato il contesto perfetto per presentare alla cittadinanza l’importante risultato ottenuto: essere Riserva Biosfera MabUnesco con il Monte Grappa, un tempo luogo dove molte giovani generazioni hanno perso la vita, diventa ora modello, laboratorio, opportunità progettuale di rigenerazione ambientale, economico-sociale e turistica senza precedenti - spiega il Vice Sindaco Roberto Marin – Quando lo scorso 15 settembre abbiamo ottenuto questo riconoscimento le circostanze non ci hanno permesso di festeggiare come avremmo voluto, è però importante informare la cittadinanza del risultato e soprattutto coinvolgere le persone in ciò che accadrà da ora in poi. In questi mesi si sta lavorando su tavoli tematici diversi e si stanno approfondendo le linee guida elaborate a sostegno della candidatura. Tra questi, la biodiverstà coltivata e allevata, la responsabilità sociale d’impresa, l’eco-destinazione turistica, l’educazione al paesaggio, il turismo esperienziale. Essere riserva biosfera significa avere compiuto un passo in più anche rispetto ad una concreta attività di conservazione e valorizzazione del patrimonio ambientale, perché permetterà uno sviluppo in termini socio-economici dell’area”.

Pubblicato e aggiornato: giovedì, 07 aprile 2022