Ti trovi in:

Home » Comune » Ufficio Stampa » Comunicati stampa » 17 e 18 aprile 2019: due nuovi appuntamenti in biblioteca

17 e 18 aprile 2019: due nuovi appuntamenti in biblioteca

Mercoledì 17 aprile 2019

Proseguono gli incontri promossi dal Circolo “Romano Carotti” presso la Biblioteca civica e dedicati al tema “Unione Europea. Ideali delusioni speranze”.

Mercoledì 17 aprile alle ore 17.30 lo storico Emilio Franzina terrà una conferenza dal titolo “Europa, flussi migratori e immigrazione”.

“Nel prossimo millennio l’Europa sarà un continente multirazziale. Se vi piace sarà così; e se non vi piace sarà così lo stesso”: sono le parole di Umberto Eco da cui prenderà le mosse la relazione dello storico vicentino, studioso di storia sociale e culturale dei secoli XIX e XX ed  in particolare di scrittura popolare e di migrazioni all’estero su cui ha pubblicato, tra l’altro, Merica! Merica! Emigrazione e colonizzazione nelle lettere dei contadini veneti in America Latina (1876-1902) e Gli italiani al nuovo mondo. L’emigrazione italiana in America (1492-1942) .  

I prossimi appuntamenti della rassegna prevedono la partecipazione di altre personalità di rilievo del mondo del giornalismo, dell’università e della politica nazionale: Giacomo Russo Spena (giornalista di “Micromega”), Elly Schlein (eruparlamentare), Sergio Cofferati (europarlamentare, già Segretario generale CGIL).

Giovedì 18 aprile 2019

Dopo i dialoghi immaginari tra Shakespeare e Cervantes, Lev Tolstoj e William Howard, Tiziano Terzani e Oriana Fallaci, ecco ora un nuovo confronto tra due delle più brillanti menti a cavallo tra Novecento e anni Duemila. Giovedì 18 aprile alle ore 17.30 va “in scena” in biblioteca “(Umberto) Eco e (Giovanni) Sartori. Dialogo tra il semiologo autore de Il nome della rosa e il padre di scienza politica e ingegneria costituzionale”.

Un filo rosso lega i destini di Eco e Sartori attraverso i loro saggi inerenti la crisi del diritto, della democrazia e dell'Occidente. Filosofo, medievista, semiologo e massmediologo, Eco è stato professore di Semiotica all'Università di Bologna. Esordisce come narratore con Il nome della rosa nel 1980. Collaboratore di “Repubblica” e de “L’Espresso”, ha il coraggio di lanciare, a 83 anni d'età, una nuova casa editrice “La Nave di Teseo”.

Politologo e sociologo di fama internazionale, Sartori è considerato il padre della scienza politica e dell’ingegneria costituzionale. Insignito di otto lauree “honoris causa”, è stato professore emerito di Scienza Politica all’Università di Firenze. È stato anche editorialista per il “Corriere della Sera”.

Tenendo a battesimo il movimento politico “Libertà e Giustizia”, entrambi constatano con amarezza il deteriorarsi della condizione umana e l’affievolirsi del valore della libertà individuale, sostituita dalla sicurezza economica e dal consumismo sfrenato. L'unica speranza sono i giovani con la loro onestà, originalità, intraprendenza e rispetto dei valori umani e democratici.

A dialogare saranno Giorgio Spagnol e Fabio Dalla Zuanna.

Pubblicato e aggiornato: martedì, 16 aprile 2019