Ti trovi in:

Home » Progetti » Progetto PLUS » Il contesto politico

Il contesto politico

Nell'ambito del tema del risparmio e dell'efficienza energetica, il progetto PLUS aderisce attivamente agli accordi internazionali sul clima come i protocolli di Kyoto e Copenhagen e gli stessi obiettivi che l'UE si è fissata per il 2020: ridurre del 20% le emissioni di gas a effetto serra, portare al 20% il risparmio energetico e aumentare al 20% la copertura del fabbisogno da fonti rinnovabili. Il PLUS si fa dunque carico del compito di indirizzare i partner aderenti al progetto verso il conseguimento dei suddetti obiettivi per il raggiungimento di una green economy dove la crescita e lo sviluppo siano basati sul concetto di sostenibilità e innovazione.

Infatti, identificando come obiettivo generale delle città partecipanti la riduzione dell'energia attualmente impiegata per l'illuminazione pubblica, e quindi sul consumo di combustibili fossili, il PLUS contribuisce proprio al raggiungimento degli obiettivi fissati dall'Agenda europea 20-20-20.

Il PLUS, inoltre, non solo persegue la finalità che i partner contribuiscano, attraverso lo sviluppo di innovativi Piani della Illuminazione Pubblica, a creare un vasto mercato di prodotti e applicazioni per un'illuminazione sostenibile stimolando le aziende private alla ricerca e allo sviluppo di tecnologie sempre più efficienti, ma anche quella di coinvolgere i differenti portatori d'interesse (associazioni, professionisti, singoli cittadini) in questo percorso, ad esempio durante i vari test, per spronare ulteriormente, producendo una specie di feedback positivo, i partner del progetto a perseguire risultati sempre più ambiziosi e rilevanti.

La necessità di coinvolgere più livelli del potere politico al fine del raggiungimento di uno sviluppo locale integrato è presente anche nella Carta di Lipsia sulle Città Europee Sostenibili (Sustainable European Cities) e, naturalmente, nell'Interreg IVc Programma Operativo. È bene ricordare che il progetto PLUS contribuisce al raggiungimento degli obiettivi fissati da questi accordi/programmi: prima di tutto attraverso il miglioramento della qualità dell'ambiente, l'aumento dell'efficienza energetica e stimolando politiche innovative. Inoltre, indirettamente, attraverso il sostegno delle attività di R&S (ricerca e sviluppo) incentivando l'eco-innovazione, l'economia a basso tenore di carbonio, e riunendo le città  per aumentare i rispettivi livelli di esperienza e conoscenze.

Pubblicato e aggiornato: lunedì, 12 marzo 2012