Ti trovi in:

Home » Comune » Ufficio Stampa » Comunicati stampa » Venerdì: storia! Proseguono in biblioteca gli incontri sul filo della memoria

Venerdì: storia! Proseguono in biblioteca gli incontri sul filo della memoria

Per chiudere le commemorazioni per i cent’anni dalla fine della Grande Guerra, la biblioteca propone, venerdì 9 novembre alle ore 17.30, un incontro con la partecipazione di tre dei maggiori storici italiani: Mario Isnenghi, professore emerito di Storia contemporanea all’Università Ca’ Foscari di Venezia, presidente dell’Istituto veneziano per la storia della Resistenza e della società contemporanea, studioso dei conflitti fra le memorie nella storia dell’Italia tra Ottocento e Novecento e autore di saggi fondamentali sulla Grande Guerra; Emilio Franzina, ordinario di Storia contemporanea presso l’Università di Verona, studioso di storia sociale e culturale dei secoli XIX e XX, si è occupato in particolare di scrittura popolare e di migrazioni all’estero. Paolo Pozzato, bassanese, direttore dell’Istituto storico della resistenza di Vicenza, autore di fondamentali studi sulla Grande Guerra, come storico del primo conflitto mondiale è membro della Società italiana di storia militare e ha pubblicato decine di libri e tradotto numerosi memoriali austriaci e tedeschi sulla grande guerra.

Ai tre storici è affidato il compito di raccontare, dalla parte dei vinti, la battaglia di Vittorio Veneto, iniziata il 24 ottobre 1918 e terminata con la firma dell’armistizio di Villa Giusti il 3 novembre, che segnò per gli italiani la fine vittoriosa della guerra. “I vinti di Vittorio Veneto” il titolo della conferenza: come fu visto l’esito bellico dall’altra parte? Come vissero, interpretarono, raccontarono la sconfitta gli austriaci? La conferenza riporterà le testimonianze austriache che rievocano l’ultima fase della guerra al fronte italiano, la battaglia di Vittorio Veneto, la rotta dell’esercito austriaco, la cattura e la prigionia. Particolare attenzione sarà dedicata ai temi ricorrenti nelle testimonianze: l’incredulità per la sconfitta,  i pregiudizi sulle qualità militari degli italiani, il risentimento contro gli ungheresi e gli sloveni, il senso della fine di un mondo.

 

Sabato 10 novembre alle 10.30 sarà ospitato in biblioteca un incontro curato dall’Istituto Storico per la Resistenza di Vicenza e dedicato al tema “1938: le leggi razziali fasciste. Ottant’anni da un abominio”.

Con la pubblicazione del Manifesto del razzismo italiano, poi trasformato in decreto con la firma del re Vittorio Emanuele III, anche nel nostro Paese fu promulgato un insieme di provvedimenti che marcavano la differenza tra gli italiani «ariani» e gli ebrei «non italiani».

Interverranno Simone Neri Serneri (Università di Firenze), Carla Poncina (presidente ISTREVI), Paolo Tagini (ricercatore).

Pubblicato e aggiornato: giovedì, 08 novembre 2018