Ti trovi in:

Home » Comune » Ufficio Stampa » Comunicati stampa » Venerdì: Storia

Venerdì: Storia

Ritorna “Venerdì: storia. Incontri sul filo della memoria”, la rassegna di incontri dedicati agli eventi che hanno segnato la nostra storia, promossa dalla Biblioteca Civica di Bassano del Grappa in collaborazione con le associazioni A.N.P.I., A.V.L., 26 Settembre e l’ISTREVI Istituto Storico della Resistenza e dell’Età Contemporanea della Provincia di Vicenza “Ettore Gallo”.

Ideato nel 2012, il ciclo ha proposto negli anni oltre centocinquanta appuntamenti che hanno visto sempre una foltissima partecipazione di pubblico, tra cui molti studenti delle scuole superiori bassanesi. Complessivamente hanno assistito agli incontri oltre ottomila persone.

Il successo della formula adottata, che si propone di fare divulgazione storica di alto livello e al contempo di mantenere viva la memoria anche attraverso il coinvolgimento di testimoni diretti, oltre che di storici di fama nazionale, testimonia l’interesse verso questi argomenti e la viva necessità tra i bassanesi di conoscere sempre più le proprie radici.

Nel rispetto delle disposizioni volte a fronteggiare la pandemia, l’intera rassegna poterà essere seguita sulla piattaforma Zoom e in streaming sulla pagina Facebook della biblioteca. Le registrazioni degli incontri saranno successivamente pubblicate nel canale YouTube della biblioteca.

 

Il primo incontro è fissato per mercoledì 27 gennaio alle ore 17.30, Giornata della Memoria. Gli storici Paolo Tagini e Antonio Spinelli terranno un incontro dal titolo “Il nemico in casa. L'internamento degli ebrei e dei civili stranieri tra l’Astico e il Brenta (1940-1943)” dedicato alle vicende degli ebrei vicentini durante il nazifascismo.

link zoom: https://us02web.zoom.us/j/89454629884?pwd=VEVQT2VJTU9uVHhKMmIzSE5TUy9Xdz09

 

Venerdì 12 febbraio ore 17.30, a ridosso del Giorno del Ricordo, Tullia Catalan, docente presso l’Università di Trieste, affronterà il tema “Il Giorno del Ricordo. Origini, celebrazioni, narrazioni e stereotipi”. Sarà un riflessione sul percorso che ha portato all’istituzione, nel 2004, di questa importante solennità civile, volta a «conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell'esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale».

link zoom: https://us02web.zoom.us/j/81595933500?pwd=SzgyMHRCN293THRORGlobzdqdGJHUT09

 

Venerdì 26 febbraio ore 17.30 ritorna il professore Elvio Bissoli con una lezione dedicata a come il cinema ha raccontato le storie di emigrazione. “Quando i migranti eravamo noi. L’emigrazione italiana nel racconto del cinema” è il titolo del suo incontro.

link zoom: https://us02web.zoom.us/j/86475065428?pwd=OGZIak9UbEVTdm1ydXQ2MXpqRXFuZz09

 

Venerdì 12 marzo ore 17.30 vedrà la partecipazione di uno dei maggiori storici italiani, Mario Isnenghi, docente emerito presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia, autore di fondamentali saggi sulla storia del Novecento. Il professore Isnenghi dialogherà con Paolo Tagini e Valeria Mogavero attorno al suo recente libro autobiografico “Vite vissute e no. I luoghi della mia memoria”.

link zoom: https://us02web.zoom.us/j/84444931201?pwd=dVdGYlEya1ozSmRQemU1Y3ZuQ1RaQT09

 

Venerdì 26 marzo alle 17.30 verrà affrontato un tema molto particolare nella conferenza dal titolo “Cacciatori di libri. Gli agenti letterari durante il fascismo”. Anna Ferrando (Università di Pavia), che l’argomento ha dedicato recentemente un libro, parlerà del difficile rapporto tra agenti letterari e potere negli anni del fascismo. Si soffermerà sul ruolo dell’Agenzia Letteraria Internazionale (Ali), fondata a Torino nel 1898 da Augusto Foà, la prima in Italia e una delle più antiche d’Europa, che dovette affrontare il difficile tema della censura sulla sua attività sia nell’Italia liberale che nelle diverse fasi del ventennio fascista. Nel racconto si intrecceranno storie di libri e itinerari biografici di intellettuali come Alessandra Scalero, Bobi Bazlen e Adriano Olivetti.

link zoom: https://us02web.zoom.us/j/89418745544?pwd=bkxhNmprbENOZVVCZjJWUFJRNU52Zz09

 

Venerdì 9 aprile ore 17.30 un altro ospite illustre, uno dei più noti storici italiani, autore prolifico e molto apprezzato, Mimmo Franzinelli. A lui il compito assai impegnativo di tracciare una “Storia della Resistenza e della repubblica sociale italiana (1943-1945)” a partire dai suoi fondamentali libri recentemente pubblicati.

link zoom: https://us02web.zoom.us/j/88985604016?pwd=U04rUk5VemlyVEFFTExkVTYraXREZz09

 

Con l’incontro di venerdì 16 aprile ore 17.30 ci si sposta sulla contemporaneità e su uno dei temi più scottanti dei nostri giorni: il ruolo della Cina nel contesto geopolitico mondiale. Ubaldo Alifuoco e Dino Menarin dell’Associazione 11 settembre di Vicenza parleranno de “Le nuove Vie della Seta. L'enigma Cina”.

link zoom: https://us02web.zoom.us/j/82430756373?pwd=MFYwaDd1cHBBZ3M3WDBqMzQzWXVuZz09

 

La rassegna si chiuderà venerdì 23 aprile ore 17.30 con un incontro dedicato ad “Alfredo Pizzoni bersagliere, partigiano, banchiere”, uomo politico e militare che presiedette il Comitato di Liberazione Nazionale Alta Italia (CLNAI) dalla sua costituzione fino alla fine della guerra di liberazione. A parlare di lui saranno Andrea Saba dell’Istituto "Ferruccio Parri" per la Storia della Resistenza di Milano e il figlio Pietro Pizzoni. L’incontro è dedicato alla memoria di Vittorio Andolfato.

link zoom: https://us02web.zoom.us/j/85940726786?pwd=K0ExS1gyVXBpa3BrOFZJdmhMb2RrQT09

Pubblicato e aggiornato: venerdì, 22 gennaio 2021