Ti trovi in:

Home » Comune » Ufficio Stampa » Comunicati stampa » Tribunale della Pedemontana Veneta - Il Sindaco Elena Pavan scrive al Ministro Alfonso Bonafede

Tribunale della Pedemontana Veneta - Il Sindaco Elena Pavan scrive al Ministro Alfonso Bonafede

“Appena ho saputo che il Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede stava preparando un calendario di sopralluoghi per valutare la possibilità di riaprire i tribunali soppressi, laddove sia dimostrata l’utilità di ripristinare gli uffici giudiziari, ho scritto una lettera manifestando la mia totale disponibilità e quella del Comitato per il Tribunale della Pedemontana ad illustrare nel dettaglio la vicenda della Cittadella della Giustizia e a presentare le forti motivazioni a supporto dell’istituzione di un nuovo tribunale veneto a Bassano”.

Nella lettera indirizzata al Ministro Bonafede il Sindaco Pavan ha ricordato come l’idea di istituire un ottavo tribunale nella nostra regione sia nata dopo la riforma della geografia giudiziaria che, sopprimendo numerosi tribunali italiani, tra i quali quello di Bassano del Grappa, ha lasciato senza futuro una importante sede per la quale, solo poco tempo prima, era stato fatto un investimento di circa 16 milioni di euro in gran parte a carico del Ministero della Giustizia.

“Le motivazioni negli anni non sono venute meno, anzi, si sono forse rinforzate – sottolinea il Sindaco Pavan - e anche alla luce di quello che sta accadendo in queste settimane possiamo pensare che un’area come la nostra, ad alta intensità di residenti, di attività produttive, commerciali e di servizi, avrà ancora maggiore necessità di poter contare su tempi certi della giustizia”.

Il Sindaco Elena Pavan, come Portavoce del Comitato,  date le prescrizioni dettate dal particolare momento di emergenza, ha suggerito la possibilità di organizzare un incontro in video conferenza, manifestando comunque massima disponibilità ad un sopralluogo nella sede di via Marinali: “Assieme a tutti i componenti del Comitato – conclude il Sindaco – siamo pronti a fornire dati oggettivi che dimostrino come la chiusura, invece di provocare risparmi, abbia aumentato i costi e diminuito i servizi, non solo per Bassano, ma per tutto il territorio circostante”.

Pubblicato e aggiornato: venerdì, 08 maggio 2020