Ti trovi in:

Home » Comune » Ufficio Stampa » Comunicati stampa » “Sulla giacca ci scrissero IMI” - Una mostra dedicata agli internati militari italiani alla Biblioteca Civica di Bassano del Grappa - 25 gennaio...

“Sulla giacca ci scrissero IMI” - Una mostra dedicata agli internati militari italiani alla Biblioteca Civica di Bassano del Grappa - 25 gennaio...

In concomitanza con la rassegna “Venerdì: storia. Percorsi sul filo della memoria”, il fortunato ciclo di incontri dedicati alla storia promosso dalla Biblioteca civica di Bassano del Grappa in collaborazione con le associazioni A.N.P.I., A.V.L. e 26 Settembre, è aperta in biblioteca una preziosa mostra dal titolo “Sulla giacca ci scrissero IMI”.

L’esposizione, prendendo spunto dal libro di Gramola e Vidale dedicato agli oltre 10.000 militari vicentini rinchiusi nei lager nazisti, si compone di oggetti, mai prima esposti, appartenuti a bassanesi che sperimentarono quelle dolorose vicende e di materiali dell’archivio comunale.

Vi si trovano esposti alcuni oggetti particolarmente emozionanti come la gavetta di campo appartenuta a Emilio Lunardi di Enego, internato militare nello Stammlager di Hagen Haspe in Germania, il suo libro di preghiere, lo stemma della ditta dove svolgeva i lavori forzati, e la corrispondenza con la famiglia.

Particolarmente toccanti anche i quattro quadernetti, che registrano con minuzia di particolari tutti i fatti accaduti, e scritti per mano del bassanese Gino Comis (Bassano del Grappa 1908-82), internato in Polonia e in Germania dopo l’8 settembre 1943. Il diario inizia il 12 settembre 1943 e termina il 24 luglio 1945, giorno della partenza di Comis per l’Italia, con annotazioni quotidiane molto dettagliate. L’ultima parte reca il titolo di “Diario del ritorno”.

Curiosa anche la cartolina inviata dal campo di Bodenbach alla famiglia, nella quale si leggono tra le firme anche i nomi dei bassanesi Guido Agnolin e Franco Verenini, che furono rinchiusi assieme a Comis nello stesso campo e con lui condivisero anche la stessa baracca.

La mostra, che vuole gettare luce su fatti poco indagati dalla storiografia, è visitabile in biblioteca fino al 23 febbraio nei consueti orari di apertura del servizio (lunedì 14.30-18.30; da martedì  sabato 9-18.30).

Pubblicato e aggiornato: martedì, 29 gennaio 2013