Ti trovi in:

Home » Comune » Ufficio Stampa » Comunicati stampa » Pronto asparago by bike: gli asparagi DOP arrivano a casa in bicicletta

Pronto asparago by bike: gli asparagi DOP arrivano a casa in bicicletta

Salvaguardare la stagione del principe dei prodotti tipici bassanesi: l’asparago. E’ questo l’obiettivo del progetto “Pronto Asparago by bike”,  ideato dall'assessorato alle Attività Produttive e Turismo del Comune di Bassano con l’aiuto del sindaco di Pove, Francesco Dalmonte e con il Consorzio dell’Asparago bianco di Bassano DOP, Coldiretti, Fiab e Monte Grappa Bike Day che permetterà di ricevere direttamente a domicilio il tanto amato turione. Un’iniziativa completamente green, grazie alla collaborazione di una ventina di volontari che consegneranno gli asparagi, a quanti ne faranno richiesta, direttamente in bicicletta, coprendo un raggio di territorio di 15 km. 

Accedere al servizio è semplicissimo: da lunedi 6 aprile basta telefonare al numero 340 2280803 (attivo dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 19 e il sabato dalle 9 alle 13) per prenotare i mazzi di asparagi desiderati, che verrano recapitati a casa il giorno successivo da volontari su due ruote, che rispetteranno tutte le norme igienico sanitarie previste dalle norme contro la diffusione del coronavirus (mascherina, guanti, mantenimento della distanza di un 1 metro) e che saranno dotati di un apposito tesserino di identificazione. 

«La chiusura di ristoranti, bar ed alberghi, imposta in queste settimane dai recenti DPCM - spiega l’assessore alle Attività Produttive, Stefania Amodeo - rischia di costare perdite anche ai produttori di asparagi. Per questo, pur ricordando a tutti che il prodotto bassanese si può sempre acquistare nei normali canali di distribuzione, come i negozi di alimentari od ortofrutta, ci è sembrato importante sostenere i nostri produttori con questa nuova iniziativa green». 

«Mi sento di dire grazie - conclude l’assessore Amodeo - a quanti hanno contribuito al progetto. Tra loro l’assessore alla Sicurezza, Tamara Bizzotto,  che ha fatto la sua parte per verificare che tutto rispettasse le normative imposte dall’emergenza coronavirus».  

Pubblicato e aggiornato: venerdì, 03 aprile 2020