Ti trovi in:

Home » Comune » Ufficio Stampa » Comunicati stampa » Mercoledì 23 agosto doppio appuntamento con la danza contemporanea dai giovanissimi di Collettivo Cinetico allo studio dell'israeliana Yasmeen Godder

Mercoledì 23 agosto doppio appuntamento con la danza contemporanea dai giovanissimi di Collettivo Cinetico allo studio dell'israeliana Yasmeen Godder

Ultimi giorni con gli appuntamenti di Operaestate che introducono ai linguaggi del contemporaneo di Bmotion.
Mercoledì 23 doppio appuntamento con la danza contemporanea, si parte alle ore 21.00 al CSC Garage Nardini  con  <AGE> terzo studio del progetto Cage, di Francesca Pennini e Collettivo Cinetico
Vincitore del Bando “Progetto Speciale Performance 2012. Ri-pensando Cage” ideato da Romaeuropa, con diversi partners tra cui CSC/Operaestate, <age> mette in scena dieci adolescenti come performer “kamikaze” in una struttura spettacolare regolata dal principio di indeterminazione.
Il rapporto con l’aspetto normativo ed il profilo biologico tipico della soglia dei 18 anni crea un territorio pericoloso in cui i ragazzi si espongono generando un inventario umano diversificato e reale. L’esito scenico presentato a Bassano è la terza fase di un lungo processo creativo che ha previsto pratiche osservative di “performance ready-made” allenando la fruizione come formazione del performer. Per il lavoro sul movimento è stato applicato e rifinito un metodo che consente di filtrare il corpo interpretandolo per gradi di libertà articolare e di riorganizzarne coordinazioni nello spazio e nel tempo. Questa metodologia aderisce a qualsiasi fisicità connotandone le possibilità cinetiche ed estetiche senza la volontà di imporre un codice stilistico.
CollettivO CineticO nasce nel 2007 ad opera di Francesca Pennini come fucina di sperimentazione negli spazi ed interstizi del teatro e dell’arte visiva. Nella forma di rete flessibile ed attraversabile di artisti e ricercatori, il collettivo indaga lo statuto ontologico dell’evento performativo, discutendo meccanismi e regole che lo governano. Cardine dell’approccio strutturale sui parametri dello spettacolo, è il progetto C/o, un’architettura coreografica decennale nata dal concetto di eterotopia ed articolata in performance frammentate in spazi e tempi “altri”.

La serata prosegue alle ore 22.00 al CSC San Bonaventura ( Chiesa dell’Ex Ospedale) con la nuova creazione  dell’artista israeliana Yasmeen Godder, una dei coreografi invitati da OE a realizzare un progetto coreografico ispirato all'universo di Hieronymus Bosch. Con la sua compagnia ha iniziato il progetto con  una prima residenza di ricerca visitando il Museo di Palazzo Grimani e studiando le quattro tavole che costituiscono "Le visioni dell'Aldilà". Inizia per lei , ora, un percorso di ricerca che si svilupperà nei prossimi mesi e la metterà in dialogo con altre organizzazioni delle città europee in cui sono custoditi i capolavori di Bosch.
Il lavoro che presenta a Bassano è stato preparato in Israele, è incentrato su una nuova produzione che debutterà nella primavera 2012. La Godder a Bassano in residenza ha lavorato su un trio di donne,  due delle quali sono sue collaboratrici da molto tempo, le ballerine Dalia Chaimsky e Shuli Enos.
Data la differenza di età delle tre interpreti - Shuli nei suoi vent'anni, Dalia sulla trentina, e Yasmeen che è da poco diventata madre alle soglie dei quarant’anni - la ricerca in questo lavoro esplora la possibilità di prendere in giro ed esporre aspetti di noi stessi che prendiamo sul serio nella nostra vita personale in relazione alla nostra età e ai suoi luoghi comuni (clichés). Scoprendo le storie fisiche di ciascuno dei nostri corpi, cerchiamo di scoprire come questi strati della nostra identità femminile hanno avuto impatto sulla percezione di noi stessi, e in che modo questi strati interagiscono, si intrecciano e risuonano e come metterli vicini l'uno all'altro. Una sfida e un “gioco”  con le convenzioni sulla femminilità, portata avanti con leggerezza ed umorismo come metodi per indagare nel profondo di queste questioni.

Informazioni e prenotazioni Biglietteria Operaestate Festival Veneto tel. 0424 524214

Pubblicato e aggiornato: lunedì, 20 agosto 2012