Ti trovi in:

Home » Comune » Ufficio Stampa » Comunicati stampa » Le liriche di Mario Duse alla Chiesetta dell'Angelo domenica 24 giugno 2012

Le liriche di Mario Duse alla Chiesetta dell'Angelo domenica 24 giugno 2012

Domenica 24 giugno 2012 alle ore 18 in Chiesetta dell’Angelo a Bassano del Grappa, a cura dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Bassano del Grappa, sarà presentata una selezione di liriche dell’artista Mario Duse (Venezia 1911 - Bassano del Grappa 1996) tratte dalla raccolta “Penna e Pennello”, appena uscita dalle stampe.

Parafrasando il titolo della mostra allestita in chiesetta dell’Angelo in questi giorni, l’appuntamento presenta Mario Duse “grafico e pittore nel futurismo ed altro ” mostrando un aspetto inedito della versatile personalità dell’artista. È un aspetto finora rimasto nascosto nell’archivio privato ad essere proposto nell’ambito della mostra che sta presentando l’attività grafica e pittorica di Mario Duse figura emblematica della Milano anni ‘30 e, in particolare, della cultura della “città che sale” tra le due guerre, segnata dal nuovo futurismo lombardo.

Nel corso della serata Bruna Benetello Barbaglio, Chiara Volpato ed Eros Zecchini daranno voce a liriche composte in diverse occasioni passando dalla intimità degli affetti familiari e personali agli echi di angosce collettive suscitate dai due conflitti mondiali, alternando la espressività della lingua veneta alla nitidezza futurista della lingua italiana; il contrappunto musicale sarà eseguito da Michele Calgaro.

L’appuntamento che prende il titolo “In gara col tempo che corre” da un verso di Duse è un riepilogo nella memoria di quanto vissuto, ricostruito solo grazie a questi ricordi in poesia che vanno ad aggiungersi alle altre testimonianze scritte e orali, sia familiari che personali, conservate in famiglia.

Nelle liriche della sua personalità mostra un aspetto sconosciuto ai più, vicino solo a tratti allo spirito futurista della prima ora: la gloria si fonda solo sul dolore e sulla morte, contano piuttosto il desiderio e la speranza di poter ritornare a guardare il mondo con gli occhi di un bambino, con l’innocenza che fa cogliere solo il buono delle cose. Sono componimenti brevi, intimi, di volta in volta drammatici, commossi,.

Il volumetto pubblicato per l’occasione accompagna ogni lirica con una selezione della sua attività pittorica, dalle esperienze del primo futurismo milanese agli esiti dell’ultima fase del futurismo magico, fino ai dipinti creati per il puro piacere di dipingere: scorci veneziani, paesaggi veneti, luoghi d’infanzia e ricordi di vita quotidiana, ad olio, acquarello o carboncino.

L’appuntamento, ad ingresso libero, è inserito nell’ambito della mostra “Mario Duse grafico e pittore nel futurismo e oltre” aperta in chiesetta dell’Angelo fino al 1 luglio 2012 con orario dalle 16 alle 20 da martedì a domenica.

Pubblicato e aggiornato: giovedì, 21 giugno 2012