Ti trovi in:

Home » Comune » Ufficio Stampa » Comunicati stampa » L'Amministrazione comunale ha incontrato stamattina i rappresentanti dei proprietari degli immobili, un tavolo di confronto per calmierare gli affitti

L'Amministrazione comunale ha incontrato stamattina i rappresentanti dei proprietari degli immobili, un tavolo di confronto per calmierare gli affitti

L’Amministrazione comunale entra nel vivo delle nuove azioni concrete per attuare gli indirizzi previsti dalla Delibera di giunta dello scorso 18 aprile in merito all’emergenza Covid-19.

Per sostenere imprese ed attività, questa mattina si è svolto un confronto tecnico assieme alle categorie che rappresentano i proprietari degli immobili, con l’obiettivo di identificare le azioni da intraprendere per riuscire a calmierare i costi degli affitti per le attività costrette in questi mesi alla chiusura a causa del Covid-19, vale a dire negozi, bar, esercizi pubblici, parrucchieri, barbieri, centro estetici.

Il Sindaco Elena Pavan, gli Assessori Tamara Bizzotto e Roberto Marin, e il presidente della Commissione bilancio Marco Vidale hanno incontrato i rappresentanti degli agenti immobiliari della Fiap, di Anama e di Fimaa, e dei proprietari degli immobili Confedilizia.

“Siamo in attesa di capire quali saranno le decisioni del Governo anche su questo tema - spiega il Sindaco Elena Pavan – Abbiamo letto in questi giorni alcune ipotesi allo studio, ma solo dopo che avremo letto il nuovo decreto e capito quali saranno le azioni in campo a livello nazionale potremo scegliere come allinearci. L’attesa dovrebbe essere di pochi giorni, ma abbiamo voluto ugualmente incontrare le categorie per ragionare insieme sulle misure da adottare, in particolare per quanto riguarda la possibile rimodulazione dell’IMU”.

“Intervenire sugli affitti è una misura molto concreta perché sono una spesa fissa - spiega l’assessore Roberto Marin - e nelle ultime settimane abbiamo analizzato e studiato a fondo alcune soluzioni che ci permetterebbero di intervenire su questo tema. Abbiamo trovato gli interlocutori di questa mattina sostanzialmente favorevoli alle nostre ipotesi e ci siamo dati la consegna di riflettere e di ritrovarci immediatamente dopo la pubblicazione del decreto con soluzioni pratiche già abbozzate: vogliamo essere operativi entro la fine di maggio, prima dell’applicazione dell’IMU per il 2020, ma ragioniamo anche a medio e lungo termine, perché uscire dalla crisi non sarà questione di poche settimane. La nostra azione sarà necessariamente complementare a quella eventuale del Governo, ma il nostro pensiero di fondo si differenzia per il fatto che fino a questo momento a livello nazionale si è ragionato sul coprire le necessità legate ai mesi di lockdown, noi vogliamo sostenere le attività nel difficile momento della ripartenza. Naturalmente ci sono posizioni diverse anche tra chi esercita una attività: ci sono commercianti in affitto, gestori che sono proprietari del negozio, negozi nei centri commerciali; dobbiamo poi distinguere tra le attività che hanno potuto proseguire anche in questo periodo e altre completamente ferme, e tenere conto delle economie di scala, perché i piccoli negozi e i piccoli artigiani si differenziano rispetto alle grandi attività e ai centri commerciali. Stiamo lavorando ad una anagrafe precisa per le varie tipologie in campo, per poi applicare soluzioni di gruppo attraverso convenzioni che facciano compartecipare i rappresentanti delle varie categorie. La disponibilità di tutti è stata massima, contiamo quindi di raggiungere a breve dei buoni risultati”.

“È stato importante confermarci reciprocamente la volontà e la disponibilità ad agire insieme – conclude il Sindaco Pavan - poi ci aggiorneremo quando avremo elementi concreti dal Governo”.

Pubblicato e aggiornato: mercoledì, 06 maggio 2020