Ti trovi in:

Home » Comune » Ufficio Stampa » Comunicati stampa » Gian Antonio Stella e Gualtiero Bertelli portano al Castello degli Ezzelini il nuovo spettacolo “Vandali! L'assalto alle bellezze d'Italia”

Gian Antonio Stella e Gualtiero Bertelli portano al Castello degli Ezzelini il nuovo spettacolo “Vandali! L'assalto alle bellezze d'Italia”

Venerdì 20 luglio alle ore 21.20 salgono sul palco dell’Ortazzo Gian Antonio Stella e Gualtiero Bertelli con i musicisti de La Compagnia delle Acque per  lo spettacolo “Vandali: assalto alle bellezze d’Italia” promosso da Operaestate Festival Veneto la lunga rassegna estiva promossa dalla Città di Bassano del Grappa con la Regione del Veneto e le altre città palcoscenico, in collaborazione con il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, la Provincia di Vicenza e le aziende del Club Amici del Festival.

Un nuovo progetto di parole e musica che vede impegnati, ancora una volta insieme, il noto giornalista del Corriere della Sera e il cantautore popolare veneziano con i suoi musicisti. Liberamente ispirato al libro inchiesta “Vandali! L'assalto alle bellezze d'Italia” scritto da Gian Antonio Stella con il collega Sergio Rizzo ed edito da Rizzoli, lo spettacolo, prodotto da Gershwin Spettacoli e patrocinato dal Fondo Ambiente Italiano, è una serrata denuncia degli scempi al paesaggio e ai beni culturali del nostro Paese con lo stesso Stella in veste di narratore e Gualtiero Bertelli e i suoi musicisti a “raccontare” l'Italia con le musiche e le canzoni da loro stessi arrangiate e frutto di un importante lavoro di ricerca musicale.

Le uniche ricchezze d’Italia che abbiamo: i monumenti, i siti archeologici, i borghi medievali sono sotto attacco. Un incubo culturale, un’angoscia economica. Perché il Paese con più luoghi “patrimonio dell’umanità” sta dilapidando il suo patrimonio: l’arte, la cultura, il paesaggio?

Parte da questa domanda il lungo lavoro di ricerca del giornalista Gian Antonio Stella che ha girato in lungo e in largo la penisola per documentare alcuni dei più grandi scandali che sono stati fatti a danno delle bellezze del nostro territorio. 

Il tempio di Apollo a Selinunte ingabbiato per undici anni dalle impalcature perché nessuno le smonta. La campagna veneta di Palladio e del Giorgione “intossicata, sconquassata, rosic­chiata, castrata”, come dice il poeta Andrea Zanzotto, da un caos di villette, ipermercati e capannoni. I mosaici di Pompei che si sgretolano perché l’ultimo mosaicista è in pensione da un decennio, la tenuta agricola di Cavour tra le risaie vercellesi canni­balizzata dai teppisti. L’inestimabile villaggio preistorico di Nola affogato nell’acqua perché la pompa non funziona.

Tutte le bellezze del “Bel Paese” sembrano essere sotto assedio e in pericolo di vita tanto che ormai l’Italia è scesa al 28esimo posto nella classifica delle mete turistiche più ambite, quando , un tempo era una delle preferite del mondo.

Una classe dirigente seria sarebbe allarmatis­sima, la nostra no. Anzi, la cattiva politica è tutta concentrata su sè stessa. E si tiene stretti tutti i privilegi. Le sole auto blu costano due volte e mezzo l’intero stanziamento per i Beni culturali, dimezzato in 10 anni.

Uno spettacolo che continua il percorso di Stella e Bertelli, iniziato ormai diversi anni fa, con la trasposizione sul palco in forma di rappresentazione teatrale e musicale di alcuni dei libri e dei temi più cari al giornalista veneto.

Informazioni e prenotazioni Biglietteria del Festival in via Vendramini a Bassano: tel. 0424.524214 – 0424 519811. www.operaestate.it

Pubblicato e aggiornato: venerdì, 20 luglio 2012