Ti trovi in:

Home » Comune » Ufficio Stampa » Comunicati stampa » Folk-s - Dalla tradizione della danza tirolese al loop di Sciarroni - Giovedì 23 agosto si conclude Operaestate Festival Veneto che da venerdì pas...

Folk-s - Dalla tradizione della danza tirolese al loop di Sciarroni - Giovedì 23 agosto si conclude Operaestate Festival Veneto che da venerdì pas...

Significativa questa serata di conclusione che parte alle ore 21.00  in Piazza Libertà con il gruppo Tearna Schuichplattla di Trento (BZ), una formazione maschile che perpetua la tradizione delle danze tirolesi, e prosegue alle ore 21.30 in Garage Nardini con Folk-s di Alessandro Sciarroni, un progetto nato proprio dallo studio dei fenomeni popolari di danza folk come riti sociali di una collettività.

Un'altra serata con doppio appuntamento, si inizia alle 21.00 dall’appuntamento ad ingresso libero  in Piazza Libertà con il nutrito gruppo bolzanino di danza tirolesi Terna Schuichplattla, che interpreta nel segno della migliore tradizione bavarese lo Schuhplattler,  ballo tipico bavarese e tirolese, che letteralmente significa “battitore di scarpe” e consiste proprio  nel battere le mani sulle proprie gambe e calzature.

Il pubblico sarà  poi invitato a spostarsi in Garage Nardini dove potrà assistere allo spettacolo di Alessandro Sciarroni Folk-s, che proprio dal suddetto gruppo ha avuto la consulenza per protare avanti il suo ultimo lavoro coregrafico.
FOLK-S infatti è una pratica performativa e coreografica sul tempo, dove il lavoro nasce da una riflessione sui fenomeni popolari di danza folk antica sopravvissuti alla contemporaneità.
In FOLK-S di Sciarroni,  questa danza viene eseguita e concepita come indicazione di una forma preesistente e primitiva di pensiero. Il ballo come regola, dittatura, flusso di immagini che seguono il ritmo e la forma, non il contenuto.
“La forma è ritmo, è energia che viene percepita attraverso le orecchie, non gli occhi, eyeless”. Così, per i performer di FOLK-S  - Marco D’Agostin, Pablo Esbert Lilienfeld,  Francesca Foscarini, Matteo Ramponi, Alessandro Sciarroni  e Francesco Vecchi -  non v’è altro tempo che il presente, che è non-passato e non-futuro.
Nella ripetizione decontestualizzata geograficamente e culturalmente, la materia folk trova la sua più chiara rivelazione.
In questo loop di gesti percussivi, l’introduzione di anomalie e variazioni sembra rimandare ad un complesso sistema di segni che evocano festa e martirio, alla presenza elegante e crudele di un nuovo Angelo Sterminatore.
Così il folk e il popolare, astratti dalla matrice sonora originaria, paiono battersi e fondersi con la condizione contemporanea, in continua lotta per la sopravvivenza.

Informazioni e prenotazioni Biglietteria Operaestate tel. 0424 524214

Pubblicato e aggiornato: martedì, 21 agosto 2012