Ti trovi in:

Home » Comune » Ufficio Stampa » Comunicati stampa » Bassano c'è - I primi dati

Bassano c'è - I primi dati

"Bassano c’è”, il servizio voluto dall’Amministrazione comunale per la consegna della spesa e dei farmaci a domicilio e destinato a persone anziane o con fragilità è stato utilizzato, in questo primo periodo di avvio, da numerosi bassanesi.
I dati rilevati dal 12 al 19 marzo dal Coordinamento Bassano Emergenze, che risponde al numero di telefono appositamente attivato 366 9395086, segnalano 116 telefonate, metà delle quali per specifiche richieste legate ad alimentari, poco meno del 10% per farmaci, le altre per avere informazioni, dare la propria disponibilità per attività di volontariato, chiedere indicazioni sull’apertura dei negozi o sulle modalità per avere mascherine di protezione.
“Abbiamo riscontri positivi sul funzionamento del servizio e sul fatto che i bassanesi hanno iniziato a conoscerlo e ad usarlo – sottolinea l’Assessore Tamara Bizzotto – Dai primi dati di questi giorni abbiamo visto che è stata molto apprezzata la possibilità di poter ricevere a casa generi alimentari e farmaci e i volontari del Coordinamento, che ringrazio,  si sono attivati per poter rispondere alle varie richieste. Negli ultimi giorni sono aumentate le richieste relative alle mascherine di protezione, che stiamo aspettando e per le quali daremo specifiche indicazioni”.
Come già spiegato, il servizio funziona su richiesta: sono le persone interessate che devono chiamare, non sarà il Comune ad attivarsi nei loro confronti. Una precisazione necessaria  per poter fare attenzione ai falsi addetti o a malintenzionati che approfittando del momento di difficoltà potrebbero entrare nelle case.
Bisogna diffidare da chi si propone senza che il servizio sia stato richiesto e, se dovesse capitare, segnalare il fatto alle Forze dell’ordine.
Si ricorda che il numero di telefono 366 9395086 è attivo ogni giorno dalle 9 alle 17.30 e che si tratta di un servizio specifico per persone anziane o con fragilità che avessero la necessità di ricevere la spesa o i farmaci a domicilio.

Pubblicato e aggiornato: venerdì, 20 marzo 2020