Ti trovi in:

Home » Comune » Ufficio Stampa » Comunicati stampa » Bassano Fotografia 2013 - Libere interpretazioni

Bassano Fotografia 2013 - Libere interpretazioni

Torna puntuale l’appuntamento con Bassano Fotografia, la manifestazione biennale dedicata al mondo della fotografia che dal prossimo settembre riempirà di immagini tutta la città di Bassano del Grappa.

Il principio della riproducibilità delle immagini vanta una lunga e prestigiosa tradizione a Bassano del Grappa. Il Museo civico bassanese, uno dei più antichi musei veneti (1828) ben testimonia l’attenzione che Bassano ha dedicato nel corso dei secoli alla cultura figurativa: immagini dipinte o affrescate seguendo il repertorio della bottega di Jacopo Bassano, poi immagini incise e replicate in forma seriale nelle stampe remondiniane o nelle ceramiche, ora immagini riprodotte in forma seriale con le più aggiornate tecnologie, ma pur sempre immagini, interpretazioni mediate della realtà e dell’irreale. E tutte queste creazioni, oggi come ieri, rivelano una energia originale che nell’inventiva, nella creatività e nell’incessante aggiornamento tecnico ed espressivo supera il limite della manifattura artigianale e della produzione in serie. E in questa prospettiva si colloca l’intento di sondare con questa manifestazione il tema delle libere interpretazioni della realtà attraverso immagini che del mondo esprimano una personale definizione.

Dal 14 settembre 2013 i luoghi espositivi più qualificati di Bassano - il Museo Civico, Palazzo Bonaguro, Chiesetta dell’Angelo, Castello degli Ezzelini, Palazzo Agostinelli - ma anche tanti spazi in tutto il centro storico saranno coinvolti nella grande kermesse fotografica.

Una scelta pressoché obbligata quella del Museo civico che proporrà Jodice Canova, un inedito accostamento fra i gessi della sala canoviana ed una serie di interpretazioni fotografiche di opere canoviane realizzata da Mimmo Jodice. Fino al 19 gennaio 2014 in mostra 47 immagini scelte dall’autore stesso per l’occasione e stampate in formato 1:1 rispetto alle sculture originali. La selezione proviene dalla campagna fotografica condotta sulle opere di Antonio Canova nei maggiori musei del mondo, riservando alle sculture di uno dei più grandi artisti di tutti i tempi l’obiettivo della macchina fotografica ma soprattutto un’altissima interpretazione critica dei valori di luce ed ombra della modellazione canoviana. Il Museo bassanese, che custodisce con la Gipsoteca di Possagno tutto il patrimonio privato dello scultore e l’Istituto di ricerca per lo studio su Canova e il Neoclassicismo, istituzione del Comune di Bassano del Grappa, hanno ritenuto di valorizzare il vasto lavoro svolto in quell’occasione e di proporlo in un contesto di larga accessibilità portando il museo fuori dal museo.

Ancora in Museo civico, in pinacoteca, Daniele Pellegrini, noto a Bassano per aver compiuto con Cesare Gerolimetto il primo giro del mondo in camion, presenterà Itinera, impressioni di viaggio filtrate attraverso le proprie esperienze di fotogiornalista documentarista specializzato in reportage geografico ma anche le competenze maturate in ambito naturalistico, etnografico, archeologico.

In Chiesetta dell’AngeloUna Bassano, cento Bassano” ritratto della città proposto da Giorgio Bertoncello che con le parole di Lewis Hine afferma “Se sapessi raccontare una storia con le parole, non avrei bisogno di trascinarmi dietro una macchina fotografica”. Non sarà senz’altro una descrizione esauriente, piuttosto una serie di aneddoti per immagini che raccontano piccoli gesti quotidiani, minimi cambiamenti della realtà, attimi di festa, il mutare delle stagioni o lo scorrere del tempo.

A Palazzo Bonaguro l’adunata dei circoli fotografici che rappresentano tutte le province venete: il Circolo Fotografico Bellunese di BELLUNO, il Fotoclub Padova BFI di PADOVA, il Fotoclub 85 di ROVIGO, Venetofotografia di TREVISO, Fatue di VENEZIA, il Circolo Fotografico Veronese BFI di VERONA, l’Ezzelino Fotoclub BFI di VICENZA, quasi tutti targati BFI, vale a dire l’attestazione FIAF rilasciata dalla Federazione Italiana Associazioni Fotografiche come riconoscimento di qualità.

Al piano nobile del palazzo Mario Vidor proporrà una serie di immagini dedicate a Chioggia, nei giorni del disagio, dopo aver già interpretato la “piccola Venezia” tra ponti ed edifici del passato riflessi nelle acque lagunari in alta marea, offrendo una visione originale di un territorio ricco di storia e tradizioni.

Ancora nella sede espositiva di via Angarano giungeranno i contributi, diretti e mediati, delle città gemelle: da Sebenico (Croazia) Zeljko Krncevic, da Voiron (Francia) Dominique Bourgeois, da Mühlacker Film und Fotoclub Mühlacker, da Londra Marisa D’Alessandro.

Originale proposta quella presentata al Castello degli Ezzelini e giocata sul tema della luce che agisce tramite la rifrazione e le riflessione: il gruppo di ragazzi della associazione bassanese RE.SOL. Reti di Solidarietà Onlus propone il Labirinto degli specchi: frammenti di una città, dedicato al tema della raffigurazione del paesaggio. La mostra offrirà un percorso di lettura realizzato dal/attraverso lo specchio come strumento di conoscenza, ed incarna l’ambivalenza dell’universo alternativo. Due simboli antichissimi: il labirinto, il tracciato misterioso che annulla la componente temporale, disorientando apparentemente colui che lo percorre, e lo specchio, uno dei simboli più antichi, alludono rispettivamente al viaggio mentale dell’uomo alla ricerca di una rinascita schiudendo le porte a nuovi percorsi della conoscenza, da un lato e dall’altro alla successione di immagini che si fondono le une dentro le altre.

A Palazzo Agostinelli la rassegna si aprirà con “Fotografi Dentro: dal reportage di viaggio al ritratto in studio. Percorsi per imparare a fare foto che emozionano” laboratorio previsto per sabato 14 e domenica 15 settembre a cura di Manfrotto e Manfrotto School of Xcellence, punto di riferimento didattico all’eccellenza fotografica. In questi due giorni, appassionati e professionisti potranno incontrare l'eccellenza della fotografia italiana partecipando a workshop, seminari e conferenze. La fotografia sarà esplorata in tutti i suoi ambiti: dagli scatti in studio al reportage, dalla street photography alla fotografia naturalistica, dal ritratto alla fotografia sportiva. Molti saranno gli ospiti d’eccezione, nomi illustri provenienti dal mondo della fotografia pubblicitaria, giornalistica e artistica. Tra questi segnaliamo: Gianni Berengo Gardin, il grande maestro del reportage e Settimio Benedusi, fotografo di moda e pubblicitario che ha collaborato con le maggiori case editrici italiane e con molteplici agenzie per campagne pubblicitarie nazionali e internazionali. Denis Curti porterà la sua testimonianza come direttore dell’agenzia Contrasto e vicepresidente della Fondazione Forma, Centro Internazionale di Fotografia. Inoltre la talentuosa Monica Silva, collaboratrice di case editrici quali RCS e Mondadori nonché testimonial Hasselblad e Nikon, illustrerà la sua esperienza di fotografa ritrattista.

Ancora a Palazzo Agostinelli farà seguito la mostra “Le montagne in città” che la sezione bassanese CAI presenterà dal 12 ottobre al 10 novembre 2013 per onorare l’importante anniversario della fondazione dell’associazione nazionale (Club Alpino Italiano) che, fondata nel 1863 per iniziativa dello statista Quintino Sella, compie 150 anni. A tale ricorrenza la sezione Cai di Bassano del Grappa dedica  una rassegna fotografica proponendo a palazzo Agostinelli i migliori scatti effettuati dai propri soci. Dai paesaggi montani, sublimi, monumentali e carichi di colorazioni, al petalo di un fiore, all’arrampicata di un animale selvatico; immagini colte “al volo” durante un’escursione o lunghe pose in attesa di un’apparizione fulminea. Alla mostra sarà abbinato un concorso fotografico “Le forme dell’acqua in montagna. Aspetti dell’acqua nelle quattro stagioni” riservato ai soci CAI e proposto al giudizio dei visitatori.

A Palazzo Sturm diversità di voci e di testimonianze: al piano nobile nell’incantevole sala degli Specchi Francesco Fontana espone le sue interpretazioni in bianconero della Danza, mentre nella sala delle Spade l’Istituto Comprensivo n°1 Jacopo Vittorelli di Bassano presenta Bassano, la città vista dai ragazzi 3a c-d-e - insegnante Marina Pagnin, ed il Liceo Artistico G. De Fabris di Nove propone Libere Interpretazioni elaborate dagli studenti  5a d - docente Ezio Lunardon.

Nel centro storico, infine, un fil rouge d’eccezione, con Bassano particolare, la Bassano vista da  un obiettivo che ha inquadrato tutto il mondo, quello di Cesare Gerolimetto che ora dedica alla propria città una considerazione tutta sua.

Nel rintracciare gli scatti di Gerolimetto dislocati in diverse postazioni collocate in vie e piazze si individueranno anche le iniziative espositive Fuori palazzo: oltre cento mostre diffuse in diverse sedi, esercizi pubblici, vetrine, situazioni che di norma non svolgono ruolo di spazio espositivo.

L’iniziativa è il risultato della cooperazione fra il Comune di Bassano del Grappa - Assessorato alla Cultura ed alle Attività Museali e la Pro Bassano. Main sponsor Manfrotto Imagine More.

La mostra “Jodice e Canova” è organizzata in collaborazione con l’Istituto di Ricerca per gli Studi su Canova ed il Neoclassicismo e con il contributo di Fondazione CaRiVerona.

Molte le aziende e gli enti che hanno accolto l’invito degli organizzatori a fare sinergia e ad unire le forze sostenendo una iniziativa che intende proporsi come un appuntamento significativo e come importante veicolo di conoscenza e di promozione per tutto il territorio.

Pubblicato e aggiornato: giovedì, 08 agosto 2013