Ti trovi in:

Home » Cittadino » Essere giovani » Bando per l’accreditamento di enti per la gestione dei servizi estivi 2022

Bando per l’accreditamento di enti per la gestione dei servizi estivi 2022

Immagine decorativa

Oggetto di accreditamento è il Gestore del singolo Centro estivo per il quale viene richiesto
l’accreditamento. L’accreditamento di ulteriori Centri Estivi gestiti dallo stesso Soggetto potrà avvenire
solo dietro presentazione di nuova richiesta di accreditamento da parte del Soggetto gestore.

L’accreditamento permetterà ai Centri Estivi di accogliere i minori residenti nel Comune di Bassano del Grappa che ricevono un contributo economico da parte dell’Amministrazione.

Soggetti destinatari
Possono presentare domanda di accreditamento i seguenti soggetti che operano all’interno del territorio comunale:
- Associazioni e Enti di promozione sociale
-  Fondazioni e Enti di patronato
- Società Sportive
- Cooperative sociali
-  Enti riconosciuti dalle confessioni religiose
-  Altri soggetti rientranti nella categoria del Terzo settore di cui all’art. 4 del D. Lgs. n.117/2017.
Requisiti dei partecipanti
Per poter essere inseriti nell’elenco dei Centri Estivi accreditati, i Gestori devono dichiarare di essere in possesso dei seguenti requisiti soggettivi:
1. aver operato per almeno un anno nella gestione di servizi analoghi a quelli per cui richiedono
l’accreditamento;
2. avere sede operativa ove verrà svolto il Centro Estivo nel Comune di Bassano del Grappa;
3. avere finalità educative, sociali, formative, culturali e/o sportive rivolte a minori, attestate
tramite presentazione del proprio Statuto o certificato di iscrizione alla C.C.I.A.A.;
4. rispettare gli obblighi di legge in materia di lavoro, previdenza, assistenza, assicurazioni sociali e
prevenzione degli infortuni, con indicazione dei contratti di lavoro applicati;
5. essere in regola con quanto previsto dal D.Lgs. n.81/2008 e s.m.i. “Testo unico sicurezza sul
lavoro” in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro e s.m.i. In caso di
domanda presentata da soggetti profit deve essere attestata l’iscrizione al Registro Imprese della
Camera di Commercio. In caso di domanda presentata da soggetti no profit devono essere
attestati gli estremi di iscrizione nei registri competenti;
6. essere in regola con le norme che disciplinano il diritto al lavoro delle persone disabili per le
imprese sottoposte alla disciplina di cui alla Legge 68/99 “Norme per il diritto al lavoro per i
disabili”.
Criteri di valutazione delle proposte progettuali
Un’apposita Commissione nominata dal Dirigente dell’Area 2^ provvederà a vagliare le domande di legittimazione di tutti i soggetti interessati ed a verificare il possesso dei requisiti e degli standard qualiquantitativi richiesti, nonché la permanenza dei medesimi per tutta la durata dell’accreditamento.
La Commissione valuta, in sede di prima istanza o riesame, la sussistenza dei requisiti indispensabili indicati nel presente Bando e nelle “Segnalazioni d’Inizio attività”.
Per quanto attiene all’Albo dei fornitori provvede a iscrivervi i soggetti legittimati all’accreditamento.
La Commissione preposta provvederà, in una o più sedute riservate, ad esaminare l’istanza di
accreditamento con i seguenti criteri:
Criteri di valutazione delle proposte progettuali

Voce 1

Esperienza pregressa

nella gestione di

centri estivi

Massimo 10 punti

Fino a 4 anni

Oltre i 4 anni

5 punti

10 punti

Voce 2

Titolo studio

coordinatore

animatori operante al

centro estivo

Massimo 10 punti

Nominativi del personale direttivo (Coordinatore) ed

esperienza nel ruolo

Massimo 10 punti

Voce 3

Presenza uscita

settimanale

Massimo 10 punti

Nessuna uscita

n. 1 uscita settimanale

n. 2 uscite settimanali

0 punti

5 punti

10 punti

Voce 4

Formazione agli

animatori inerenti a

tematiche educative

Massimo 10 punti

Non prevista

4 ore

Formazione superiore alle 4 ore

0 punti

5 punti

10 punti

Voce 5

Progetto e

organizzazione

centro estivo

Massimo 60 punti

Voce 5.1 - Progetto educativo-ludico-ricreativo 3-14 anni

Voce 5.2 - Progetto di integrazione. ex Lg. 104/92

Massimo 40 punti

Massimo 20 punti

Per poter essere accreditati ogni realtà deve raggiungere minimo 60 punti.

Ruolo dell’Amministrazione con i centri estivi accreditati:
L’attività svolta dall’Amministrazione verterà in:
- stipulare la convenzione con i soggetti che hanno presentato domanda completa (istanza di
accreditamento, progetto educativo e fotocopia carta d’identità del legale rappresentante) e
hanno raggiunto il punteggio minimo di 50 punti;
- dare il patrocinio all’iniziativa, garantire attività divulgativa e pubblicizzazione di ogni servizio.
- sostenere (parzialmente o totalmente) la spesa della retta per la partecipazione ai centri estivi da
parte dei minori che beneficano di un contributo economico;
- entro il primo giugno 2022 fornire ai centri estivi interessati la lista dei minori che risultano
beneficiari del contributo con la relativa quota della retta che il Comune si impegnerà a
sostenere;
- liquidazione dei contributi ai centri estivi su presentazione della lista dei minori partecipanti e
beneficiari del contributo.
Modalità di partecipazione e presentazione delle candidature
La domanda di “accreditamento” deve essere presentata utilizzando il modulo “ISTANZA DI
PARTECIPAZIONE ACCREDITAMENTO CENTRI ESTIVI 2022” (Allegato n. 1 del bando) e
deve essere corredata da tutti i documenti richiesti specificati nella domanda stessa.
Alla domanda deve essere allegata la scansione della marca da bollo secondo la normativa vigente,
debitamente annullata (scrivendo sulla marca la data di utilizzo).
La domanda deve essere inviata firmata digitalmente tramite PEC al Comune di Bassano del Grappa - Area Seconda - Servizi alla persona, all’indirizzo: protocollo.comune.bassanodelgrappa@pecveneto.it

Scadenza bando: 30 aprile 2022 ore 24.00

La domanda di accreditamento (Allegato n. 1 del bando) che deve essere sottoscritta dal legale
rappresentante e deve recare l’indicazione specifica dei servizi per i quali la ditta, l’ente o l’associazione intende accreditarsi e i recapiti telefonici, e-mail e PEC da utilizzare per le comunicazioni inerenti la procedura per l’accreditamento.
Nella stessa domanda deve essere espressamente attestato che il soggetto conosce ed accetta in ogni sua parte il progetto di accreditamento e le prescrizioni organizzativo-funzionali dello stesso.
In caso di domanda presentata da soggetti profit deve essere attestata l’iscrizione al Registro Imprese della Camera di Commercio.
In caso di domanda presentata da soggetti no profit devono essere attestati gli estremi di iscrizione nei registri competenti.
In caso di domanda presentata da enti ecclesiastici deve essere attestata l’iscrizione al Pubblico Registro delle persone giuridiche.
Le dichiarazioni di cui sopra devono recare la sottoscrizione autenticata da parte del Legale
Rappresentante oppure, nel rispetto della normativa vigente, recare la sottoscrizione semplice
accompagnata dalla fotocopia del documento di identità del dichiarante (ex d.p.r. 445/2000).
Alla domanda di accreditamento andrà allegata la proposta di progetto educativo (Scheda descrittiva del Centro Estivo), tale documento dovrà essere della lunghezza di massimo 8 facciate, carattere times new roman, corpo 12, interlinea 1.
Inoltre andranno specificati
-  Progetto educativo-ludico-ricreativo con definizione dell’asse tematico delle attività, per i bambini dai 3 ai 14 anni (centri estivi 3-14 anni);
-  Progetto di integrazione per i minori certificati dalla legge 104/92;
- Elenco delle esperienze svolte in attività analoghe con l’indicazione della sede e del periodo;
-  Nominativi del personale direttivo (Coordinatore) e relativo curriculum;
- Localizzazione della struttura in cui si svolgerà il servizio e delle caratteristiche dell’immobile
Ai singoli soggetti che abbiano presentato domanda verrà comunicato l’esito dell’istruttoria tramite
PEC.
In caso di risposta positiva, la realtà accreditata deve trasmettere – almeno 15 giorni prima dell’inizio
del servizio comunicazione di quanto segue:
- nominativi e curriculum del personale educativo,
- polizza assicurativa con idonei massimali,
- dichiarazione di acquisizione e conservazione del certificato penale oppure copia del certificato
penale in corso di validità dei dipendenti assunti (D.lgs. n. 39 del 04/03/2014),

Requisiti dei Centri Estivi
Struttura, attrezzature e servizi generali
Le sedi messe a disposizione dai soggetti interessati alla gestione di Centri Estivi devono possedere le seguenti caratteristiche:
a) essere conformi alle vigenti normative in materia di igiene e sanità, prevenzione incendi (d.p.r.
n.151/01.08.2011) nonché di sicurezza degli impianti (D.M. n. 37/2008 Regolamento concernente
l’attuazione dell'articolo 11 della legge n. 248 del 2 dicembre 2005) per quanto applicabile e compatibile con la destinazione d’uso;
b) essere adeguate in materia di accessibilità e abbattimento delle barriere architettoniche (d.p.r. n. 384/78, Legge 13/89 e decreti attuativi) anche garantendo il superamento di tali barriere tramite idonee attrezzature;
c) avere una cucina idonea al confezionamento dei pasti, con annessa sala mensa, e/o una cucina idonea allo sporzionamento di pasti veicolati, con relativa sala mensa, oppure avere un locale idoneo alla distribuzione ed al consumo di pasti preconfezionati monodose, se il soggetto intende effettuare tale servizio;
d) garantire la salubrità dei pasti somministrati, facendo riferimento alle norme europee, nazionali e regionali vigenti in materia di sicurezza alimentare e all’osservanza delle “Linee guida per l’offerta di alimenti e bevande salutari nelle scuole e strumenti per la sua valutazione e controllo” approvate con DGR n. 418/2012;
e) essere dotati di spazi esterni destinati allo svolgimento delle attività esterne previste dal programma educativo ludico-ricreativo;
f) essere dotati di spazi interni destinasti allo svolgimento delle attività;
g) essere dotati di servizi igienici con wc;
h) essere dotati di servizi igienici con lavabo;
i) essere dotati di servizi igienici per disabili ;
j) essere dotati di servizi igienici per adulti;
k) essere dotati della cassetta del pronto soccorso;
l) essere dotati di registro per annotare giornalmente le presenze dei bambini/ragazzi e degli adulti;
m) essere in possesso della dichiarazione favorevole da parte della locale ULSS 7 in materia di Igiene e Sanità qualora il Centro estivo disponga di impianti natatori.
Tutti i suddetti locali devono essere mantenuti dall’ente accreditato in idonee condizioni di pulizia a
mezzo del personale ausiliario.
I sussidi didattici audiovisivi e ogni altra attrezzatura utilizzata devono essere a norma delle vigenti
disposizioni in materia di sicurezza.
L’ente gestore che intende attivare il servizio di ristorazione deve rispettare la normativa HACCP e le “Linee guida per una sana alimentazione italiana” prevedendo un menù adeguato
all’età dei partecipanti.
L’ente gestore deve inoltre provvedere a somministrare una dieta idonea in caso di patologie e/o
sussistenza di motivazioni etico-religiose che richiedano un particolare regime alimentare, reperendo
adeguati prodotti nel rispetto dietetico, ed al contempo che non differenzino eccessivamente il menù
dietetico da quello degli altri bambini, riducendo in tal modo i fenomeni di discriminazione.
L’ente gestore deve comunicare all’Amministrazione Comunale l’eventuale gestore esterno erogatore
del servizio di ristorazione, il quale, dovendo operare nel completo rispetto delle vigenti normative in
materia di somministrazione di alimenti e bevande, dovrà essere in possesso di relativa Notifica ai fini
della registrazione Sanitaria.
Progetto educativo-ludico-ricreativo
Il progetto deve riguardare un arco temporale di almeno una settimana e può prevedere moduli orari di svolgimento diversificati da presentare in sede di domanda di accreditamento.
Inoltre, deve fornire, nell’ottica di un sistema formativo integrato, un’offerta che tenga conto delle
caratteristiche proprie di ogni fase di sviluppo nella quale si trovano bambini e ragazzi, oltre che
rispondere ai loro interessi concreti, sollecitando la loro creatività e curiosità.
Deve pertanto svilupparsi secondo le seguenti indicazioni:
a. definizione di un “programma tipo” per ogni turno, articolato secondo l’orario giornaliero di
funzionamento previsto per il Centro Estivo e con generale calendario delle attività;
b. individuazione delle attività da svilupparsi;
c. realizzazione, in continuità con le attività previste dal Centro, di un progetto educativo ricreativo
articolato per i minori certificati ai sensi della Legge 104/1992 per i quali dovrà essere garantita la
possibilità di essere accolti. Il progetto dovrà garantire tutte le attenzioni necessarie alla piena
partecipazione del bambino con disabilità.
Struttura organizzativa
L’ente accreditato deve utilizzare personale nel rispetto della vigente normativa in materia di
lavoro, previdenza, assistenza e sicurezza e della vigente normativa fiscale.
L’Ente gestore è responsabile del corretto comportamento e della riservatezza del proprio personale.
La struttura organizzativa deve comprendere:
- il responsabile con ruolo di coordinatore, che deve essere in possesso di un titolo di formazione professionale o scuola secondaria di secondo grado o universitario – anche triennale – inerente uno dei seguenti ambiti: educativo, formativo, pedagogico, psicologico, sociale, artistico, umanistico, linguistico, ambientale, sportivo. In assenza di tale titolo il soggetto gestore dovrà dichiarare di avvalersi della formale collaborazione per almeno tre ore settimanali di soggetto esterno precisamente individuato ed in possesso del titolo di studio come sopra specificato.
Sono compresi fra i titoli ammissibili per svolgere il ruolo di responsabile il baccalaureato dei sacerdoti, il titolo di baccalaureato triennale e la laurea magistrale quinquennale rilasciata dagli Istituti Superiori di Scienze Religiose.
Il personale direttivo:
- ha la responsabilità gestionale,
- è garante del funzionamento e della programmazione educativa e ricreativa,
- coordina e gestisce il personale di cui ai successivi punti;
- il personale educativo, maggiorenne, in possesso del diploma di scuola secondaria di secondo grado o di titolo di laurea, anche triennale, preferibilmente a specifico indirizzo psico-socio-educativo, deve essere in numero tale da garantire un rapporto educatore - bambino di 1 a 20 come massimo.
Deve essere adeguato allo svolgimento delle funzioni in ogni momento della giornata, a salvaguardare la sicurezza dei minori in relazione agli spazi e all’attività svolta ed al grado di autonomia dei bambini frequentanti.
Inoltre, il personale educativo, nel momento dell’accoglienza e del congedo, deve occuparsi anche dei bambini con disabilità nei momenti nei quali non saranno affiancati dal personale specifico.
il personale addetto alla preparazione, alla somministrazione e/o al porzionamento dei pasti nelle strutture è tenuto a possedere l'attestato di formazione ai sensi della normativa HACCP.
Il personale volontario ed i tirocinanti potranno essere accolti dall’ente gestore accreditato per lo
svolgimento di attività di socializzazione e ricreative. A tale scopo può integrare la propria struttura
operativa definendone competenze, capacità e attitudini diverse da quelle del personale educativo,
garantendo comunque il coordinamento e l’integrazione di tutto il personale del servizio.
La formazione del personale dipendente, volontario o tirocinante deve essere a cura del fornitore.
Qualora, per qualsiasi motivo, il personale fosse costretto ad abbandonare il servizio,
il fornitore deve provvedere ad una immediata sostituzione con personale avente i medesimi requisiti richiesti per mantenere un adeguato livello quali-quantitativo.
Tutto il personale impegnato nella gestione delle attività deve essere in regola con le vigenti disposizioni
igienico sanitarie.

Cause di esclusione dall’Elenco
Costituiranno cause di successiva esclusione dall’Elenco:
- Il venir meno dei requisiti di cui all’Art. 2;
- Il venir meno delle condizioni previste dall'art.80 del D.Lgs. n.50/2016 e s.m.i. (di trovarsi in stato di fallimento, liquidazione, cessazione di attività, concordato preventivo…);
- Le cause di divieto, decadenza, o di sospensione previste dalla vigente normativa antimafia;
- La mancanza di presentazione di tutta la documentazione, delle dichiarazioni od attestazioni
prescritte complete e rispondenti in ogni parte alle prescrizioni, fatta salva la possibilità di
integrazione o completamento.

Controlli da parte dell’Amministrazione sull’esecuzione dei servizi estivi 2021
L’Amministrazione esercita la funzione di controllo mediante:
- verifiche sul rispetto dei criteri organizzativi e pedagogici del servizio che hanno determinato
l’inserimento in Elenco;
- verifiche a campione delle presenze dei bambini per i quali è riconosciuto il contributo;
- valutazione degli esiti dell’attività di reportistica, rendicontazione e customer satisfaction;
- verifica delle relazioni fornite dal Gestore sulle attività svolte.

Per informazioni e chiarimenti inerenti il presente Avviso pubblico è a disposizione Annalisa Canesso (annalisa.canesso@comune.bassano.vi.it - tel. 0424/519140)

Pubblicato e aggiornato: martedì, 19 aprile 2022