Ti trovi in:

Home » Cittadino » Essere cittadini » Servizi Anagrafe » Iscrizione all’Aire

Iscrizione all’Aire

Immagine decorativa

L’AIRE è L’Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero tenuta presso i Comuni e presso il Ministero dell’Interno.

E’ possibile iscriversi all’AIRE a seguito di trasferimento all’estero.

I cittadini italiani iscritti all’AIRE mantengono gli stessi diritti dei residenti in Italia: hanno diritto di esprimere il proprio voto elettorale all’estero (tranne coloro che esercitano l’opzione per votare nel proprio Comune di iscrizione alle liste elettorali in Italia), possono ottenere certificati anagrafici e di stato civile ed hanno l’obbligo di essere iscritti nelle liste di leva del Comune di residenza in Italia.

 Normativa di riferimento

L. n. 1228 del 24/12/1954

D.P.R. n. 200 del 05/01/1967

L. n. 470 del 27/10/1988

D.P.R. n. 223 del 30/05/1989

L. n. 104 del 27/05/2002

 Prerequisiti

Essere cittadini italiani residenti all’estero.

 Cosa occorre 

L'iscrizione conseguentemente al trasferimento della residenza all'estero avviene a seguito della dichiarazione di residenza all'estero resa all'ufficio consolare da persona legittimata a renderla, oppure ad iscrizione negli schedari consolari disposta d’ufficio dallo stesso ufficio consolare. Quando venga resa tale dichiarazione, l'ufficio consolare rilascia al dichiarante una copia del mod. CONS/01, in segno di ricevuta della stessa.

 L'ufficio consolare è tenuto ad accertare la veridicità delle dichiarazioni che gli sono rese, anche con la collaborazione delle autorità locali.

 L'art. 13, comma 1 lettera a) del D.P.R. 223/1989 prevede, altresì, la possibilità di effettuare la dichiarazione di trasferimento all'estero della residenza direttamente all'ufficio anagrafe del Comune.

 L'utente, deve comunque recarsi all'ufficio consolare entro 90 giorni dall'arrivo nella circoscrizione per rendere la prescritta dichiarazione. L'iscrizione all'AIRE diventa esecutiva solo se il Comune riceve dal Consolato il mod. CONS01. Altrimenti, trascorso un anno dalla dichiarazione resa al Comune di residenza senza comunicazione alcuna da parte del Consolato, il cittadino viene cancellato per irreperibilità.

In caso di ulteriori variazioni anagrafiche o di stato civile spetta al cittadino italiano residente all'estero dichiararle all'ufficio consolare.

Il Comune aggiornerà l'anagrafe a seguito di comunicazione che riceverà dal Consolato

Modulistica

Pubblicato: domenica, 17 dicembre 2017 - Ultimo aggiornamento: martedì, 19 dicembre 2017